• 23 Luglio 2022 12:21

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

Catturata la Stazione Spaziale Internazionale davanti al Sole

Catturata la Stazione Spaziale Internazionale che transitava davanti al Sole. Le immagini mozzafiato sono state riprese da un fotografo che ha immortalato gli scatti della ISS da Daventry, una cittadina di 22.367 abitanti della contea del Northamptonshire, in Inghilterra.

La Stazione Spaziale Internazionale viaggiava ad una velocità di circa 17.000 mph, corrispondenti a 27.300 km, ed era a circa 250 miglia, equivalenti a 400 km di distanza, quando è stata ripresa dal fotografo sopra la sua casa. Sulla ISS attualmente si trovano tre cosmonauti e quattro astronauti.

Il fotografo Jamie Cooper

Il fotografo che ha ripreso le sorprendenti immagini è Jamie Cooper, 52 anni. Quando si è reso conto che la ISS doveva essere visibile sopra la sua casa a Whilton, vicino a Daventry, nel Northamptonshire, il 17 giugno si è subito preparato per le riprese.

Jamie Cooper è riuscito a riprendere l’intero transito della Stazione davanti al Sole alle 10:22 BST, corrispondenti alle 9,22 ora italiana. L’evento ripreso è durato poco meno di un secondo. Il fotografo ha ripreso le immagini utilizzando un telescopio ed una videocamera ad alta velocità.

Jamie Cooper, ha dichiarato che: “Questa è stata un’occasione da non perdere”. Secondo quanto dichiarato dal fotografo professionista e appassionato astronomo dilettante, si è trovato nel posto giusto al momento giusto.

Jamie Cooper, ha spiegato che: “Esiste una fascia molto stretta in cui tu, la Stazione Spaziale internazionale ed il Sole siete tutti in linea retta, ed è larga circa tre miglia”.

Jamie Cooper, continua spiegando che: “Avevo controllato i dati tre giorni prima, e le osservazioni non coincidevano con la mia casa. Ho ricontrollato il giorno prima e ho notato che invece sarebbe stata visibile proprio da sopra casa mia, quindi sono stato molto fortunato”.

Le immagini riprese

La fotocamera ad alta risoluzione è riuscita a immortalare la granulazione solare, rendendo visibili persino le bolle di gas che filtrano sulla superficie del Sole. Inoltre, nelle immagini riprese sono ben visibili anche le macchie solari.

Il signor Cooper ha dichiarato che la sua videocamera ad altissima velocità stava lavorando a 80 fotogrammi al secondo, rispetto ad una normale velocità della fotocamera, che corrisponde invece a 25 fotogrammi.

Jamie Cooper ha concluso sottolineando che: “È importante dire che uso un telescopio specializzato con un filtro, perché non si deve mai guardare il Sole senza un filtro adatto. Osservare il Sole senza filtro può causare gravi danni alla vista, come la cecità permanente”.

VIDEO:

https://www.facebook.com/watch/?v=1057410771588506

FONTE:

https://www.bbc.com/news/uk-england-northamptonshire-61856975

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.