• 10 Giugno 2022 10:57

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

Il rover Perseverance e il suo fedele amico marziano. Il rover Perseverance si è guadagnato un nuovo fedele compagno di missione. Si tratta di una roccia salita sulla sua ruota quattro mesi fa, mentre effettuava l’esplorazione del cratere Jezero. Il rover della NASA ha quindi stretto amicizia con un pet rock circa quattro mesi fa, e da quel momento in poi allora sono divenuti inseparabili.

La roccia si è incastrata nella ruota anteriore sinistra del rover all’inizio del mese di febbraio, mentre il rover si aggirava per il pianeta rosso. Questo secondo quanto ripreso dalla telecamera di prevenzione dei rischi situata sulla sinistra di Perseverance.

Il suo compagno di viaggio

La roccia, nei quattro mesi in cui è stata nella ruota, a percorso ben 8,5 chilometri sul terreno accidentato insieme al rover. L’ospite si è unito alla missione durante la campagna di esplorazione del cratere Jezero, il sito di un antico lago e delta del fiume, luogo in cui i ricercatori della NASA stanno esaminando le formazioni rocciose che il team di ricerca ha denominato “Máaz”.

Il rover è stato accompagnato dalla roccia mentre si dirigeva a nord verso il sito di atterraggio di Octavia E. Butler, per poi avviarsi a ovest verso i resti di un delta che gli scienziati hanno definito “Kodiak”. Successivamente, il rover ha proseguito il viaggio verso il delta occidentale di Jezero.

Il rover attualmente ha come obiettivo quello di effettuare carotaggi e esaminare le rocce sedimentarie intorno all’area del delta. Le rocce sedimentarie presenti nel sito sono state create miliardi di anni, periodo in cui era presente l’acqua nell’area, secondo quanto riportato dalla NASA.

Il sassolino di Perseverance, rotolando all’interno della ruota, non sta creando alcun danno alle operazioni della missione. Non ci resta che osservare per quanto tempo ancora il sasso resterà amico dell’esploratore robotico.

Le rocce da compagnia di Spirit e Curiosity

La roccia catturata da Perseverance non è la prima a diventare compagna di una missione. Infatti, ci sono stati altri rover su Marte che hanno adottato un pet rock. Il rover Spirit, in missione dal 2004 al 2010, aveva una roccia conficcata nella ruota posteriore destra all’inizio del suo viaggio. In questo caso però la roccia bloccava la ruota, e i ricercatori della NASA sono stati costretti a rimuoverla.

Anche il rover Curiosity ha catturato varie rocce, con cui ha passato svariato tempo. In questo caso le ospiti si trovavano nella sua ruota anteriore destra, in cui sono rimaste per svariate settimane. Il rover ha cominciato la sua missione sul pianeta rosso a metà del 2012 ed è tutt’ora operativo.

FONTE:

https://edition.cnn.com/2022/06/09/world/perseverance-pet-rock-mars-scn/index.html?fbclid=IwAR1tSmQcTITx1O5THvqEwB8bI9UbBvenxK87Cl2HsFFxwpzWgwMKX4QjO9w

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.