Abbronzatura e alimentazione. Consigli utili

Si sa che quando si è in piena estate in molti pensano all’abbronzatura e alla salute della pelle. Sono molte le persone che cercano consigli per poter accelerare la tintarella e farla durare il più a lungo possibile. Tra i consigli utili spesso troviamo quelli legati all’alimentazione. Vediamo cosa c’è di vero e realmente utile.

L’abbronzatura è il meccanismo difensivo che viene innescato dalla nostra epidermide. Questo serve a bloccare l’azione nociva dei raggi ultravioletti prodotti dai raggio solari.

La tintarella, nonostante gli aspetti negativi correlati, è sinonimo di bellezza e salute a qualunque età. Sono in molte le persone che si affidano a vecchi rimedi, trucchi e metodi innovativi per riuscire a incrementarla, conservarla e a prolungarla.

Tra i vecchi rimedi e indubbiamente il più diffuso è che un maggior consumo di alimenti ricchi di betacarotene, possa aiutare la tintarella. Ma è realmente così?

Il beta-carotene e la carotenosi

Il beta-carotene è un pigmento vegetale contenuto soprattutto nella frutta e in alcune verdure, che presentano una colorazione giallo-arancione. Le più blasonate sono le carote, il melone e le albicocche. Tra i miti da sfatare troviamo che il consumo di beta-carotene agevola l’abbronzatura. Questo, infatti, non ha un’azione diretta sulla produzione della melanina, e di conseguenza neppure sull’abbronzatura.

Quindi chi assume grandi quantità di frutta e verdura che contengono beta-carotene, può incorrere nella carotenosi. Questa non è altro che una condizione che dona un colorito arancio-giallastro agli ultimi strati dell’epidermide.

L’effetto conferito alla pelle diminuisce progressivamente con la diminuzione di assunzione di alimenti ricchi di beta-carotene. Questo effetto, quindi, non ha alcun tipo di correlazione con l’abbronzatura.

Un ulteriore proprietà che viene associata al beta-carotene è quella di proteggere la nostra epidermide dall’esposizione prolungata ai raggi solari. Questa è un’altra credenza popolare che è stata smentita.

L’Efsa, l’autorità europea per la sicurezza alimentare, nel 2011, ha dichiarato, dopo aver effettuato molti studi, che non esiste alcun tipo di correlazione tra l’assunzione dietetica di beta-carotene e la protezione della pelle dal danno indotto dai raggi ultravioletti. Il beta-carotene, quindi, non ha alcuna azione protettiva verso i raggi solari.

Le credenze popolari. Cosa c’è di vero?

Ogni credenza popolare, o leggenda, si basa sempre su un fondo di verità. Un fatto vero è che l’alimentazione influisce molto sulla bellezza e la salute della pelle. Infatti, le carenze di vitamine, specialmente la A, C e la E, di sali minerali, soprattutto il selenio, lo zinco e il rame, sono in grado di compromettere la salute e l’aspetto della pelle.

Un’alimentazione che si basa sul un consumo equilibrato di frutta e verdura, può garantire all’organismo tutti i micronutrienti necessari per poter mantenere al meglio la salute delle pelle e, di conseguenza, migliorare anche l’abbronzatura.

Gli alimenti per mantenere sana la pelle

Le carote, ricche di beta-carotene, sono efficaci nell’ostacolare l’azione nociva dei radicali liberi. Gli agrumi e i peperoni, ricchi di vitamina C, hanno proprietà anti-infiammatorie, combattono gli effetti dei radicali liberi e stimolano la produzione di collagene.

I pomodori, alimento estivo per eccellenza, prepara la nostra pelle all’abbronzatura grazie alla presenza del licopene, un eccellente anti-ossidante. Infine, la frutta secca, come noci, mandorle e nocciole, ci farà fare il pieno di vitamina E. Questa è particolarmente nota per le sue preziose qualità antiossidanti.

Conclusioni

L’abbronzatura non è altro che una reazione protettiva, attivata dall’organismo, quando viene colpito dalle radiazioni ultraviolette del Sole. Queste possono divenire altamente dannose per la salute della pelle.

Il consiglio è quindi continuare a consumare carote, pomodori, albicocche e altri cibi perché sono sicuramente alimenti salutari. Ma occorre anche utilizzare una protezione solare adeguata al tipo di pelle che si possiede ed evitare di esporci al Sole nelle ore più calde.

FONTE:

https://alimentazione.gazzetta.it/news/20-07-2021/cibo-e-abbronzatura-verita-e-falsi-miti-tutto-quello-che-bisogna-sapere-54961

https://www.dietistamassarotto.it/news/93-cibo-abbronzatura

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.