SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Blue Origin: asta per il biglietto per il primo volo per il turismo spaziale

Blue Origin. Asta per il biglietto per il primo volo dedicato al turismo spaziale. La società privata di Jeff Bezos, dopo aver passato più di sei anni per progettare il suo razzo, ha finalmente fissato una data per la sua prima missione per i passeggeri a scopo commerciale. La data scelta è il 20 luglio, giorno in cui il primo passeggero a salire a bordo sarà colui che si aggiudicherà l’asta online.

La Blue Origin, da a chiunque la possibilità di fare un’offerta sul sito web dell’azienda. Questo è quanto annunciato tramite un tweet. Il primo giro di offerte sarà svolto tra il 5 e il 19 maggio. Le offerte saranno tutte sigillate, così da non rendere noto a nessuno le offerte fatte. Il concorso sarà concluso il 12 giugno con un’asta svolta dal vivo.

Blue Origin: asta per il biglietto

Il ricavato dell’asta verrà devoluto al Club for the Future, una fondazione incentrata sui giovani con lo scopo di ispirare i bambini a studiare scienza e tecnologia.

La Blue Origin, non ha reso noto né di quanto dovrebbe rientrare con la vendita del biglietto, né chi sarà sul primo volo e il costo dei posti. L’unica cosa nota è che ci sarà solo un posto disponibile per il pubblico per l’asta per questo primo volo. Gli altri posti sono stati selezionati direttamente dalla Blue Origin.

Il sito web dell’azienda ha reso noto determinate limitazioni su chi potrà prendere il volo del New Shepard. Tra le clausole ci sono che i partecipanti dovranno aver compiuto almeno 18 anni, che dovranno avere una forma fisica sufficiente per salire sette rampe di scale in un minuto e mezzo, essere tra i 1,52 e i 1,95 m di altezza e tra i 50 e i 101 kg di peso. 

I passeggeri, inoltre, dovranno essere in grado di allacciare e slacciare la cintura di sicurezza in meno di 15 secondi, trascorrere fino ad un’ora e mezza legati nella capsula con il portello chiuso e resistere fino a 5,5 G in forza durante la discesa.

La Blue Origin

La Blue Origin è stata fondata 21 anni fa dal miliardario di Amazon e dalla persona più ricca del mondo, Jeff Bezos. Il New Shepard, è un veicolo spaziale completamente autonomo che può trasportare fino a sei persone. Il razzo ha già effettuato più di una dozzina di voli di prova automatizzati con la cabina vuota presso le strutture di Blue Origin in Texas. I voli sono quasi tutti andati come previsto.

Il New Shepard è composto da due parti riutilizzabili. La prima è una piccola capsula a forma di cupola che presenta delle finestre rettangolari spalancate. La seconda, invece, è un razzo alto 18 metri in grado di far volare la capsula fino a tre volte la velocità del suono verso lo spazio esterno.

La capsula è progettata per riuscire a staccarsi dal razzo, viaggiando a più di 96 chilometri di altezza e trascorrendo alcuni minuti sospesa in assenza di gravità prima di paracadutarsi verso la Terra. I futuri passeggeri trascorreranno in totale circa 10 minuti in volo, salendo a circa 96 chilometri sopra la Terra. La Blue Origin ha dedicato la sua navicella spaziale a Alan Shepard, il primo americano ad aver viaggiato nello spazio 60 anni fa.

La concorrente Virgin Galactic

I prezzi dei biglietti di Blue Origin sono ormai da anni oggetto di speculazioni. Il concorrente diretto della Blue Origin, la Virgin Galactic, la compagnia di turismo spaziale suborbitale fondata dal miliardario britannico Richard Branson, nel 2004, nel frattempo ha già da tempo effettuato una prevendita dei biglietti. L’azienda possiede già 600 persone che sborseranno tra i $ 200.000 e $ 250.000 ciascuna per poter effettuate un viaggio nello spazio. 

La Virgin Galactic ha già condotto due volte i voli di prova nello spazio. La compagnia, adesso, è pronta per condurre altri voli di prova, per poi riuscire a condurre nello spazio le persone disposte a pagare.

Conclusione

La società, mentre annunciava tramite e-mail l’asta, ha dichiarato che: “Nei decenni successivi, meno di 600 astronauti sono stati nello spazio sopra la linea Kármán, per vedere la Terra senza confini e il lembo sottile della nostra atmosfera. Dicono tutti che questa esperienza li ha cambiati”.

La linea Kármán è l’altitudine, considerata a livello internazionale, di confine con lo spazio. Questa è situata a 100 km di altezza. Nel e-mail, è stato annunciato che: “Dopo un meticoloso e incrementale programma di volo per testare la New Shepard, adesso è ora che gli astronauti salgano a bordo”.

Fonte:

https://edition.cnn.com/2021/05/05/tech/blue-origin-ticket-price-auction-scn/index.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: