venerdì, Maggio 7

L’invenzione della bomba a mano

Non stupiremo nessuno se riveliamo che le prime “bombe a mano” della storia furono inventate dai cinesi, durante la dinastia Song tra il 960 e il 1279 e.v. In realtà il termine con cui inizialmente è conosciuta la bomba a mano è “granata” per la sua somiglianza con il frutto del melograno (in latino punicum granatum), una sfera ripiena di grani.

La prima granata cinese

La prima granata, conosciuta come Zhen Tian Lei consisteva in un contenitore di metallo o ceramica riempito di polvere nera. La prima descrizione nota delI’antesignano delle moderne bombe a mano risale al 1044 ed è menzionata in un libro militare, il Wujing Zongyao (“Raccolta di classici Militari”), che descrive varie armi da fuoco.

I primi gusci in ghisa  per le bombe e le granate originari della Cina non apparirono in Europa prima del 1467. In un paio di secoli, i cinesi scoprirono il potenziale esplosivo delle palle di cannone svuotate e riempite di polvere nera.

I granatieri

Per lanciarle nei campi di battaglia europei furono addestrati soldati di una certa statura, chiamati “granatieri”. La bomba a mano non si rivelò efficace e così i granatieri mantennero il loro nome, continuando però a combattere con il fucile, come normali soldati ma un po’ più alti.

Tuttavia, la guerra di trincea favorì la diffusione delle granate già dalla seconda metà del diciannovesimo secolo. Nella prima guerra mondiale (1914-1918) gli eserciti avevano soltanto piccole scorte di granate pre-guerra. Come misura provvisoria, le truppe spesso improvvisavano le loro, come le “granate scatoletta di marmellata“.

Le prime granate a frammentazione moderne

Queste furono rimpiazzate quando versioni fabbricate, come la Mills la prima granata a frammentazione moderna, divennero disponibili alle truppe britanniche. Le Mills Bomb furono sviluppate alla Mills Munitions FactoryBirmingham, in Inghilterra, e furono descritte come le prime ‘granate sicure‘. Circa 75.000.000 di granate furono fabbricate durante la prima guerra mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: