SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

L’Europa Clipper della NASA si avvia verso l’assemblaggio

Avviato l’assemblaggio dell’Europa Clipper della NASA. L’orbiter avrà come missione quella di sorvolare Giove su un percorso ellittico. La missione avrà come scopo quello di raccogliere dati su Europa.

I ricercatori ritengono che la luna di Giove possa avere le potenzialità per ospitare la vita. La navicella effettuerà dei passaggi ravvicinati della luna, così da indagare l’abitabilità di questo piccolo mondo oceanico.

Gli astronomi hanno reso noto che l’Europa Clipper ha appena superato un traguardo significativo, completando la sua Critical Design Review. Gli esperti, durante la revisione, hanno esaminato in modo molto dettagliato il progetto del veicolo spaziale. In questo modo si sono assicurati che possa essere tutto pronto per completare l’assemblaggio.

Il team della missione adesso potrà completare la fabbricazione del veicolo, effettuando il collaudo dell’hardware. Successivamente, passerà alla fase di assemblaggio e di collaudo della capacità di carico utile dei sofisticati strumenti scientifici.

Europa Clipper: la luna di Giove

La luna di Giove, che possiede un oceano globale interno due volte maggiore della dimensione degli oceani terrestri, ha le condizioni adatte per custodire la vita.

Le ricerche sulla luna, fino ad oggi, sono state ostacolate dalle sue temperature molto gelide e dalle radiazioni di Giove. Gli esperti hanno quindi dovuto fabbricare un veicolo molto resistente, per riuscire a resistere alle radiazioni. Ma anche abbastanza sensibile da riuscire a raccogliere le informazioni necessarie per indagare l’ambiente di Europa.

L‘orbiter Europa Clipper dovrà raccogliere i dati sull’oceano interno, mappare la composizione della superficie e della sua geologia. Inoltre, dovrà individuare i pennacchi di vapore acqueo, che potrebbero fuoriuscire dalla crosta ghiacciata.

Europa Clipper: lo sviluppo della navicella

Lo sviluppo della navicella, secondo quanto dichiarato dalla NASA, sta procedendo secondo quanto pianificato

La Critical Design Review ha condotto un’analisi approfondita su tutti gli strumenti scientifici, partendo dalle telecamere alle antenne, arrivando fino ai sottosistemi di volo. Tra questi sono presenti la propulsione, la potenza, l’avionica e il computer di volo.

Jan Chodas, Project Manager di Europa Clipper, del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, ha dichiarato che: “Abbiamo dimostrato che il design del nostro sistema di progetto è molto solido. I nostri piani per completare lo sviluppo e l’integrazione dei singoli pezzi restano uniti. Il sistema nel suo insieme funzionerà come progettato per raccogliere le misurazioni scientifiche di cui abbiamo bisogno per esplorare la potenziale abitabilità di Europa”.

Hardware in lavorazione

La missione, oltre a fornire dei piani dettagliati, ha fabbricato dei prototipi e dei modelli di ingegneria. In questo modo a potuto testare il funzionamento degli strumenti e dei sottosistemi di ingegneria. L’hardware del veicolo al momento si trova in fase di costruzione. I singoli sottosistemi e strumenti di ingegneria hanno già superato le proprie revisioni di progetto.

L’Europa Clipper, che presenta un diametro di quasi 3 metri, è stata dotata di un’antenna a forma di disco, uno strumento che si trova in fase di assemblaggio. Questo dovrà ricevere i comandi dalla Terra e poi a sua volta dovrà trasmettere i dati scientifici raccolti.

L’Europa Clipper verrà fornito di enormi pannelli solari grandi 30,5 metri. Questi saranno collegati al modulo di propulsione in costruzione dal Johns Hopkins Applied Physics Lab (APL) a Laurel, nel Maryland.

Il nucleo del modulo di propulsione, che è costituito da due cilindri impilati che insieme sono alti quasi 3 metri, dovranno contenere i serbatoi di propulsione e 16 motori a razzo. I propulsori, una volta lasciata l’atmosfera terrestre, dovranno spingere l‘Europa Clipper.

I cilindri sono stati prodotti dalla APL e spediti alla JPL per l’installazione dei tubi del sistema di ridistribuzione del calore, parte di un sistema che manterrà il veicolo spaziale controllato termicamente.

La APL si sta occupando anche della costruzione del modulo di telecomunicazioni per le comunicazioni radio con la Terra. e di un monitor di radiazione per misurare le dimensioni dell’esplosione di elettroni, e molti altri strumenti.

Jordan Evans, vice capo progetto di Europa Clipper, di JPL, ha dichiarato che: “Vedere i frutti del loro lavoro che orbiteranno attorno a Giove tra pochi anni sarà un momento emozionante per il team. La squadra, anche di fronte a COVID-19, utilizzando tutti i protocolli di sicurezza sul lavoro, sta proseguendo il lavoro necessario”.

La missione

Gli strumenti scientifici del veicolo spaziale misureranno la profondità e lo spessore della crosta di ghiaccio, la profondità dell’oceano e la quantità di sale presente. Inoltre, cattureranno in dettaglio le immagini a colori della geologia di superficie e analizzeranno i potenziali pennacchi.

Gli scienziati sono particolarmente interessati alla costituzione della superficie della luna. Le prove raccolte fino ad ora suggeriscono che il materiale esposto si è mescolato attraverso la crosta ghiacciata, e forse proviene dall’oceano sottostante.

Europa Clipper studierà anche il campo gravitazionale della luna. Questa informazione potrà far comprendere agli scienziati su cosa accade alla luna quando Giove la attira a se.

Europa Clipper Project

Lo scienziato Robert Pappalardo, di JPL, ha affermato che: “Stiamo facendo un lavoro che tra dieci anni cambierà il modo in cui pensiamo alla diversità dei mondi nel sistema solare esterno. Un luogo in cui forse la vita potrebbe essere in grado di esistere in questo momento, e non in un lontano passato”.

Pappalardo, continua spiegando che: “Stiamo attualmente assicurandoci che gli strumenti possano funzionare tutti contemporaneamente senza interferenze elettromagnetiche”.

Gli strumenti dell’Europa Clipper saranno tutti sottoposti a test approfonditi dopo l’arrivo al JPL nel 2021. L’inizio del 2022 segnerà l’inizio delle operazioni di assemblaggio, test e lancio. Il team è sulla buona strada per riuscire ad avere l’Europa Clipper pronta per il lancio nel 2024.

Ulteriori informazioni sull’hardware e gli strumenti di Europa Clipper, comprese le nuove foto, possono essere trovate qui:

https://europa.nasa.gov/news/28/on-the-path-towards-unprecedented-science/

Ulteriori informazioni su Europa e Europa Clipper sono disponibili qui:

europa.nasa.gov

Fonte:

https://www.nasa.gov/feature/jpl/nasa-s-europa-clipper-builds-hardware-moves-toward-assembl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: