venerdì, Maggio 7

Giorno: 19 Marzo 2021

Hubble cattura il cambio di stagioni su Saturno
Astronomia, Scienza

Hubble cattura il cambio di stagioni su Saturno

Hubble è riuscito a riprendere il cambio di stagioni su Saturno. Il telescopio spaziale della NASA, è riuscito a fornire agli astronomi una chiara visione dei cambiamenti nell'atmosfera vasta e turbolenta di Saturno. Le immagini riprese nel 2018, 2019 e 2020 del pianeta mostrano le transizioni estive dell'emisfero settentrionale. Amy Simon, scienziata planetaria presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, ha spiegato che: “Questi piccoli cambiamenti, che avvengono di anno in anno, nelle bande di colore di Saturno sono molto affascinanti. Mentre Saturno si dirige verso l'autunno nel suo emisfero settentrionale, noi vediamo le regioni polari ed equatoriali che mutano. Inoltre, riusciamo ad osservare anche che l'atmosfera si modifica su delle scale temporal...
Le fragili barriere coralline di Hong Kong potenziate dalla stampa 3D
Ambiente e Clima, Biologia, Scienza

Le fragili barriere coralline di Hong Kong potenziate dalla stampa 3D

Nelle acque al largo della costa orientale di Hong Kong, gli scienziati sono stati felici di avvistare una seppia che proteggeva le sue uova all'interno di un fondale marino artificiale di argilla stampato in 3D. Questo è stato costruito con l’obiettivo di aiutare a ripristinare le fragili barriere coralline della città. Sulle cartoline e nell'immaginario popolare, Hong Kong è sinonimo di densità urbana con imponenti grattacieli stipati lungo il porto o aggrappati alle vertiginose colline sovrastanti. Tuttavia la sorprendente varietà naturale e il piccolo numero di barriere coralline sono alcuni dei segreti meglio custoditi della città. Gli scienziati affermano che si possono osservare, nelle acque di Hong Kong, circa 84 specie di corallo. La maggior parte può essere...
Il grano in erba  di Colette
Libri e Letteratura

Il grano in erba di Colette

"Vinca cuciva, orlando con un festone rosa un vestito di crespo dello stesso azzurro dei suoi occhi. I capelli biondi, tagliati alla Giovanna d'Arco, le si allungavano lentamente. A volte li divideva sulla nuca, legando con nastri azzurri due corti codini color grano, lungo le gote. Dopo colazione aveva perso uno dei nastri, e metà della chioma le batteva, come un vento spiegato, metà del volto. (...) Philip splendeva di insofferenza e di una specie di tradizionale disperazione. La fretta di invecchiare, il disprezzo di un tempo in cui corpo e anima fioriscono, mutava in eroe romantico quel figlio di un piccolo industriale parigino. Cadde seduto ai piedi di Vinca e continuò a lamentarsi". Gli anni dell'adolescenza Gli anni "fieri e sgraziati" dell'impazienza, i primi impulsi d'a...
Cos’è il programma d’Agenda 2030?
Ambiente e Clima, Economia, Società

Cos’è il programma d’Agenda 2030?

Il 25 settembre 2015 i governi dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite hanno sottoscritto - con l'approvazione dell’Assemblea Generale - un programma d'azione per le persone, il pianeta e la prosperità: l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Cos'è quindi il programma d'Agenda 2030? Il programma d'Agenda a partire dalla nascita dell'ONU Per rispondere a questa domanda, torniamo un attimo alle origini: alla nascita dell'ONU. L’Organizzazione delle Nazioni Unite, in sigla ONU, è un ente intergovernativo a carattere mondiale nato tra l’Aprile e il Giugno del 1945 con la fine della Seconda Guerra mondiale. Le esigenze di questo organismo sono espresse nel Preambolo, per cui è importante ‹‹ salvare le future generazioni dal flagello della guerra […]; riaffermare ...
Trovate nello spazio molecole complesse a base di carbonio
Astronomia, Scienza

Trovate nello spazio molecole complesse a base di carbonio

E’ ormai noto che la maggior parte del carbonio nello spazio esista sotto forma di grandi molecole chiamate idrocarburi policiclici aromatici (IPA). Dagli anni '80, prove circostanziali hanno indicato la presenza di queste molecole nello spazio, sebbene non fossero state osservate direttamente. Un team di ricercatori guidato dal professor Brett McGuire, ha identificato due IPA distintivi in ​​una zona di spazio chiamata Taurus Molecular Cloud (TMC-1). Si credeva che gli IPA si formassero in modo efficiente solo ad alte temperature. Sulla Terra, infatti, si trovano come sottoprodotti della combustione di combustibili fossili e anche nei segni di carbone sui cibi grigliati. La nube interstellare che contiene gli IPA, non ha ancora iniziato a formare le stelle e la sua temp...