SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Confermata l’efficacia al 94% del vaccino Pfizer

Fino ad oggi ci siamo dovuti “fidare” degli indici di efficacia dei vaccini autorizzati rilevati dalle aziende farmaceutiche durante la Fase 3 della sperimentazione. Soltanto un’ampia sperimentazione sul campo, attraverso le campagna vaccinali, può confermare le indicazioni fornite dall’Ema, dal FDA americana e dalle altre agenzie regolatorie dei farmaci.

Finalmente grazie ad Israele che sta effettuando la campagna di vaccinazione più estesa (in rapporto alla popolazione) del mondo, un nuovo studio effettuato dal Clalit Institute for Research su 1,2 milioni di persone tra individui vaccinati e non, ha confermato che il vaccino Pfizer-Biontech è effettivamente efficace per il 94%.

Lo studio ha evidenziato un crollo del 92% delle forme serie di infezione nelle 600.000 persone vaccinate. Ricordiamo che uno studio del genere mette a confronto le 600.000 persone che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino con altre 600.000 non vaccinate.

Pfizer si è mostrato efficace in soggetti di tutte le classi di età, compresi gli ultra settantenni. Secondo la ricerca, il vaccino raggiunge un’efficacia compresa tra il 91 e il 99% una settimana dopo la somministrazione della seconda dose.

Ricordiamo che il vaccino anti Covid sviluppato dalle aziende Pfizer e BioNTech si basa su una delle tecnologie più innovative e avanzate esistenti. Il siero di questo tipo utilizzano la sequenza del materiale genetico del nuovo coronavirus, ossia l’acido ribonucleico (Rna), il messaggero molecolare che contiene le istruzioni per costruire le proteine del virus. Utilizzare l’Rna messaggero (mRna) è stata una scelta dettata dall’esigenza di riuscire a produrre vaccini in breve tempo, ottenendo una risposta immunitaria ottimale.

Il professor Ran Blitzer, direttore del Clalit Research Institute, ha dichiarato che “chiaramente il vaccino Pfizer è più efficace nella vita reale una settimana dopo la seconda dose, come evidenziato nello studio clinico“.

Lo studio che sta per essere pubblicato su una prestigiosa rivista scientifica, secondo alcune indiscrezioni dovrebbe contenere notizie positive anche sulla  capacità del vaccino Pfizer-Biontech di bloccare la trasmissione del coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: