• 11 Novembre 2021 16:19

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

Il vetro appannato

DiNatale Seremia

Ott 18, 2018

Ci capita spesso dopo una doccia calda vedere gli specchi del  nostro bagno appannarsi completamente  o il  parabrezza dell’auto  dopo un acquazzone.

Da cosa dipende questo comune fenomeno  fisico? Tutto dipende dalla tensione superficiale  dell’acqua e dall’angolo di contatto (cioè l’angolo che una goccia di liquido forma con la  superficie con la  quale viene a contatto).

La tensione superficiale (generalmente indicata con la lettera greca γ) è la densità superficiale di energia di legame sull’interfaccia tra un corpo continuo e un materiale di un’altra natura, nel nostro caso un liquido. 

Per quanto  puliti gli specchi del bagno e il  parabrezza conservano sempre delle  impurità. Questo è il  motivo per cui l’acqua che condensa  su di essi non può spandersi uniformemente ma si raccoglie in goccioline.

Le goccioline diffondo la luce in tutte  le direzioni ed è proprio questa diffusione generale a determinare l’appannamento, ovvero  ad impedirci  di vedere  immagini nitide sugli specchi.

Per ovviare a questo inconveniente  è possibile spargere un po’ di sapone o detergente sugli specchi del bagno oppure utilizzare una fetta di patata appena tagliata.

Natale Seremia

Appassionato da sempre di storia e scienza. Divoratore seriale di libri. Blogger di divulgazione scientifica e storica per diletto. Diversamente giovane. Detesto complottisti e fomentatori di fake news e come diceva il buon Albert: "Solo due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, riguardo l’universo ho ancora dei dubbi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.