• 15 Novembre 2021 13:59

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

Uno sbirro non lo salva nessuno

DiNatale Seremia

Ott 10, 2017


L’Italia è un paese di misteri, spesso oscuri e torbidi, che non trovano risposte e spiegazioni dopo decine di anni di investigazioni, inchieste, dibattiti, campagne.
Uno di questi, purtroppo uno dei tanti è quello che riguarda Emanuele Piazza, ex poliziotto sparito da Palermo a 29 anni, nel 1990. Dimessosi dalla Polizia entrò nei servizi segreti, l’allora SISDE, con l’incarico di ricercare pericolosi soggetti latitanti di Cosa Nostra.
Lo scrittore palermitano Giacomo Cacciatore ricostruisce questa vicenda drammatica e inquietante nel libro-verità “Uno sbirro non lo salva nessuno” (p. 192; 18,00 euro), che ha come sottotitolo “La vera storia di Emanuele Piazza, il Serpico palermitano” Dario Flaccovio Editore.
Per mesi dopo la sparizione persino parenti ed amici negarono che Piazza lavorasse per i servizi segreti, ci volle l’intervento di Giovanni Falcone per chiarire questo aspetto. Sarà poi lo stesso assassino diventato collaboratore di giustizia a rivelare come Piazza attirato con l’inganno in un magazzino sia stato prima strangolato e poi dissolto nell’acido nelle campagne intorno a Capaci, proprio il luogo dove troverà la morte il giudice Falcone.
Cacciatore chiarisce con una narrazione tutta basata su atti giudiziari e documenti gran parte dei misteri che girano intorno alla morte di questo giovane “sbirro” che girava con i tasca una lista di 136 pericolosi latitanti.

Natale Seremia

Appassionato da sempre di storia e scienza. Divoratore seriale di libri. Blogger di divulgazione scientifica e storica per diletto. Diversamente giovane. Detesto complottisti e fomentatori di fake news e come diceva il buon Albert: "Solo due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, riguardo l’universo ho ancora dei dubbi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.