• 10 Aprile 2021 16:34

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Le fragili barriere coralline di Hong Kong potenziate dalla stampa 3D

Nelle acque al largo della costa orientale di Hong Kong, gli scienziati sono stati felici di avvistare una seppia che proteggeva le sue uova all’interno di un fondale marino artificiale di argilla stampato in 3D. Questo è stato costruito con l’obiettivo di aiutare a ripristinare le fragili barriere coralline della città.

Sulle cartoline e nell’immaginario popolare, Hong Kong è sinonimo di densità urbana con imponenti grattacieli stipati lungo il porto o aggrappati alle vertiginose colline sovrastanti.

Tuttavia la sorprendente varietà naturale e il piccolo numero di barriere coralline sono alcuni dei segreti meglio custoditi della città.

Gli scienziati affermano che si possono osservare, nelle acque di Hong Kong, circa 84 specie di corallo.

La maggior parte può essere trovata su insenature remote, lontano dal delta del fiume Pearl, pieno di sedimenti, e dai suoi affollati canali di navigazione.

Ma come tutte le barriere coralline in un mondo in rapido riscaldamento, sono in pericolo. Ed è qui che entrano in gioco Vriko Yu e il suo team di scienziati marini.

Questi infatti hanno pensato di usare piastrelle stampate in 3D con la funzione di un letto artificiale su cui i coralli si attaccano e prosperano, con risultati promettenti.

La prima volta che abbiamo posato le piastrelle, c’erano alcuni pesci nelle vicinanze“, ha dichiarato Vriko Yu, durante una recente ispezione dei ricercatori dell’Università di Hong Kong (HKU).

Ora la barriera corallina, prodotta artificialmente e inserita l’estate scorsa, pullula di fauna selvatica, comprese le seppie.

Guerrieri di terracotta

Il governo di Hong Kong ha commissionato una ricerca sugli ecosistemi corallini locali dopo che le barriere coralline del parco marino di Hoi Ha Wan sono state colpite da sbiancamento e morie di massa.

I coralli sono colonie di miliardi di invertebrati polipi viventi e sono estremamente sensibili ai cambiamenti di temperatura. Quando diventano troppo caldi, perdono il loro colore vibrante e muoiono.

Ripopolare una barriera corallina morta o danneggiata richiede un terreno adatto, affinché le restanti larve di corallo possano attaccarsi e costruire una nuova casa, e le piastrelle stampate si sono finora dimostrate affidabili.

La stampa 3D ci consente di personalizzare una piastrella o una soluzione per qualsiasi tipo di ambiente. Ritengo che questo sia il vero potenziale offerto dalla tecnologia“, ha dichiarato David Baker, professore associato presso la School of Biological Sciences di HKU.

Il team ha posato su una sezione di 40 metri quadrati di fondale marino, nel parco, delle piastrelle che trasportano 400 frammenti di corallo.

I coralli ora sulle piastrelle sopravvivono decisamente meglio del metodo tradizionale di trapianto“, ha detto Yu, indicando una percentuale di successo intorno al 90%.

Alcuni progetti in tutto il mondo hanno deliberatamente affondato navi o cemento sul fondo del mare per incoraggiare la crescita dei coralli. Sebbene questi metodi abbiano avuto un certo successo, possono cambiare la chimica dell’acqua.

Le piastrelle utilizzate nel progetto Hong Kong sono realizzate in terracotta, riducendo al minimo l’impatto ambientale. L’argilla è fondamentalmente terreno, quindi il terreno si può trovare ovunque sulla terra“, ha detto Christian Lange, professore associato del Dipartimento di Architettura della HKU.

Lascia invariata la chimica dell’acqua”, ha aggiunto Lange, “e se una tessera non riuscisse a generare una nuova colonia, si eroderà semplicemente senza lasciare traccia”.

Colonie più resistenti

I biologi marini prestano molta attenzione al successo dei programmi di ripopolamento della barriera corallina perché i coralli rischiano di scomparire.

L’aumento della temperatura del mare ha decimato le barriere coralline di tutto il mondo, specialmente quelle nelle acque tropicali più calde.

La Grande Barriera Corallina australiana, il più grande sistema corallino del mondo, è ora così gravemente danneggiata da essere classificata dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) come “critica”.

I coralli che esistono nelle acque subtropicali sono di particolare interesse per gli scienziati perché formano colonie generalmente più resistenti. Queste sono in grado di resistere meglio a una gamma più ampia di temperature.

Un recente documento della Royal Society ha trovato alcune prove che alcuni coralli subtropicali prosperavano negli oceani più caldi, rispetto ai loro “cugini” tropicali.

La Grande Barriera Corallina ha molti coralli che vivono al largo in acque tropicali limpide, non sono abituati a cambiare“, ha spiegato Baker.

Baker ha spiegato che le piastrelle non sono una panacea per gli sbiancamenti di massa. Spera, però, che il progetto possa identificare le specie con la resilienza genetica per sopportare futuri stress ambientali e guadagnare tempo affinché i coralli “si adattino e migrino in aree più adatte“.

Potremmo effettivamente creare una nuova potenziale casa per i coralli mentre cercano di sfuggire al cambiamento climatico dalle regioni equatoriali“, ha concluso.

Fonte: https://phys.org/news/2021-03-hong-kong-fragile-coral-reefs.html?fbclid=IwAR1oTMFPaemltz2_pg7jl4HXDO8bxvVHbnUh5NCIYNJj13DW00qyJlf1Zt0

Rita Cazzetta

Futura laureanda in architettura, sono un'appassionata di libri, film e serie tv. Mi piace anche trattare argomenti riguardanti l'astronomia, la scienza in generale, l'architettura, la storia, la salute e il benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.