• 16 Aprile 2021 23:39

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Cosa ci si dovrà aspettare oggi quando il rover Mars 2020 Perseverance atterrerà sul Pianeta Rosso?

La missione Mars 2020 Perseverance della NASA tra poche ore cercherà di far atterrare il quinto rover dell’agenzia sul Pianeta Rosso, dopo aver percorso 3,9 milioni di chilometri. Gli ingegneri del Jet Propulsion Laboratory della NASA, dal sud della California, gestiranno la missione, seguendo il veicolo spaziale e confermando che risulta perfettamente funzionante e che si sta direzionando sul bersaglio situato nel cratere Jezerole.

Thomas Zurbuchen, amministratore associato del Science Mission Directorate, presso la sede della NASA, situata a Washington, ha dichiarato che: Perseverance è la più ambiziosa missione fino ad oggi per quanto riguardar i rover arrivati su Marte della NASA. L’obiettivo di Perseverance è quello di scoprire se c’è mai stata vita su Marte in passato. La squadra che seguirà l’atterraggio, per fornire delle risposte, condurrà il rover nel cratere Jezero, il terreno marziano più impegnativo mai preso di mira fino ad oggi per un atterraggio”.

Gli scienziati ritengono che il cratere Jezero è un bacino di un lago in cui è sfociato un antico fiume, finendo così per depositare dei sedimenti. Gli scienziati sono convinti che il cratere è riuscito a conservare i segni di una possibile forma di vita risalente a miliardi di anni fa. Gli atterraggi su Marte sono molto difficili, ed è per questo che solo il 50% di tutti quelli effettuati è andato a buon fine.

L’atterraggio nel cratere, a causa delle sue caratteristiche geologiche, risulta il più difficile mai fatto prima. Il team di Perseverance per effettuarlo si baserà sugli insegnamenti tratti dai precedenti touchdown. Inoltre, utilizzerà delle tecnologie innovative che permetteranno al veicolo spaziale di puntare verso il sito di atterraggio in modo più preciso possibile così da eliminare i pericoli in modo del tutto autonomo.

Le fasi dell’atterraggio

Gli ingegneri si aspettano di ricevere delle notifiche durante le tappe fondamentali per l’atterraggio negli orari stimati. La distanza tra Marte e la Terra causerà un ritardo di segnale di 11 minuti e 22 secondi.

Le tappe fondamentali sono:

La separazione della fase di crociera;

L’entrata atmosferica che avverrà a circa 19.500 km / h;

Il picco di riscaldamento con una temperatura di circa 2.370 gradi Fahrenheit (circa 1.300 gradi Celsius);

Il dislocamento del paracadute ad una velocità supersonica;

La separazione dello scudo termico che avverrà circa 20 secondi dopo il lancio del paracadute;

La separazione del guscio posteriore;

Il touchdown, ossia la fase di discesa della navicella, che utilizzerà la manovra della gru del cielo e abbasserà il rover in superficie su cavi di nylon;

Ci sono molti fattori che possono influire in tutte le fasi sopraelencate come le proprietà dell’atmosfera marziana, che sono molto difficili da prevedere fino a quando il veicolo spaziale non ci passa attraverso. Un aspetto innovativo è che il rover Perseverance può atterrare in totale autonomia e in sicurezza senza quindi avere necessità di comunicazioni dalla Terra.

Una volta che il rover sarà atterrato sulla superficie marziana il suo primo incarico sarà quello di effettuare delle foto del paesaggio. I giorni successivi all’atterraggio gli ingegneri effettueranno tutte le verifiche per stabilire l’integrità del rover, una fase che potrà durare un mese.

Informazioni sull’atterraggio

La cartella stampa per lo sbarco di Perseverance è disponibile su:
go.nasa.gov/perseverance-landing-press-kit

Dove vedere l’atterraggio in diretta online:

https://mars.nasa.gov/mars2020/

In diretta sul canale 35 di Focus dalle ore 21:00

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.