• 10 Aprile 2021 23:36

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Antica mummia trovata sepolta in uno strano bozzolo

La scoperta di una rara “mummia di fango” dell’antico Egitto ha sorpreso gli archeologi, i quali non si aspettavano di trovare il defunto racchiuso in un guscio di fango indurito.

Il “carapace di fango” è una scoperta impareggiabile. “Siamo di fronte ad un trattamento mortuario mai visto precedentemente nella documentazione archeologica egiziana“, hanno scritto i ricercatori dello studio, pubblicato sulla rivista PLOS One. 

È possibile che “l’impacco di fango” sia stato utilizzato per stabilizzare la mummia dopo che è stata danneggiata, ma il fango potrebbe anche essere stato concepito per emulare le pratiche utilizzate dell’élite della società, che a volte mummificavano i cadaveri con materiali a base di resina.

Allora, perché questo individuo era coperto di fango, invece che di resina?

Il fango è un materiale più conveniente“, ha dichiarato Karin Sowada, ricercatrice presso il Dipartimento di Storia e Archeologia della Macquarie University di Sydney, in Australia.

Il guscio di fango non è l’unica stranezza della mummia. I ricercatori hanno scoperto che la mummia, datata intorno al 1207 a.C., è stata danneggiata dopo la morte ed è stata persino sepolta nella bara sbagliata, in realtà destinata a una donna morta più di recente.

Come molte antiche mummie egiziane, la mummia di fango e la sua bara con coperchio, furono acquisite nel 1800 da un collezionista occidentale, Sir Charles Nicholson, un politico inglese-australiano che le portò in Australia.

Nicholson li donò all‘Università di Sydney nel 1860 e oggi risiedono al Chau Chak Wing Museum dell’università. Ma sembra che chiunque abbia venduto i manufatti abbia ingannato Nicholson poiché i ricercatori hanno scoperto che la bara è più recente rispetto al corpo sepolto al suo interno.

I commercianti locali probabilmente hanno collocato un corpo mummificato nella bara per vendere un ‘set’ più completo, una pratica ben nota nel commercio di antichità locali“, hanno scritto i ricercatori. Il sarcofago è inciso con il nome di una donna – Meruah o Meru (t) ah – e, secondo l’iconografia che lo decora, risale a circa il 1000 a.C., il che significa che questo è di circa 200 anni più giovane della mummia al suo interno.

Sebbene il defunto non sia Meruah, gli indizi anatomici suggeriscono che si tratta di una donna morta tra i 26 ei 35 anni.

Trattamento fangoso

I ricercatori, nel 1999, hanno avuto il primo sentore che la mummia di 3.400 anni fosse insolita, quando una  scansione TC (tomografia computerizzata) ha rivelato qualcosa di strano all’interno. Per indagare, i ricercatori hanno estratto alcuni campioni degli involucri e hanno scoperto che contenevano una miscela di fango sabbioso.

Quando un nuovo team di ricercatori ha riesaminato la mummia nel 2017, ha scoperto dettagli precedentemente sconosciuti sul guscio, specialmente quando hanno riesaminato chimicamente i frammenti di fango.

Dopo la sua morte, la donna è stata mummificata e avvolta in tessuti. Quindi, i suoi resti, compreso il ginocchio sinistro e la parte inferiore della gamba, sono stati danneggiati in “circostanze sconosciute”, forse da ladri di tombe, che hanno spinto qualcuno a riparare la mummia, probabilmente entro una o due generazioni dalla sua prima sepoltura. Questa impresa avrebbe incluso “riavvolgimento, imballaggio e imbottitura con tessuti e applicazione del guscio di fango“, hanno scritto i ricercatori nello studio.

Chi ha riparato la mummia, ha preparato un complicato impasto terroso, mettendo una pastella di fango, sabbia e paglia tra gli strati di involucri di lino. Il fondo della miscela di fango aveva un pigmento bianco a base di calcite, mentre la parte superiore era ricoperta di ocra, un pigmento minerale rosso”, ha dichiarato Sowada.

Il fango è stato apparentemente applicato in fogli mentre era ancora umido e flessibile“, ha aggiunto. “Il corpo è stato avvolto con involucri di lino ed è stato applicato il guscio e poi sono stati applicati altri involucri“. 

Successivamente, la mummia è stata nuovamente danneggiata, questa volta sul lato destro del collo e della testa. Poiché questo danno ha colpito tutti gli strati, compreso l’involucro fangoso, sono stati inseriti dei perni metallici per stabilizzare le aree danneggiate.

Questamummia di fango non è l’unica antica mummia egizia che è stata soggetta a riparazioni post mortem. Il corpo del re Seti I è stato avvolto più di una volta, così come i resti del re Amenhotep III (il nonno del re Tut).

Per quanto riguarda il guscio di fango della donna, questa è una scoperta veramente nuova nella mummificazione egizia“, ​​ha detto Sowada. “Questo studio aiuta a costruire un’immagine più grande di come gli antichi egizi trattavano e preparavano i loro morti“. 

Fonte: https://www.sciencealert.com/archaeologists-uncover-an-ancient-egyptian-mummy-wrapped-in-a-strange-mud-cocoon

Rita Cazzetta

Futura laureanda in architettura, sono un'appassionata di libri, film e serie tv. Mi piace anche trattare argomenti riguardanti l'astronomia, la scienza in generale, l'architettura, la storia, la salute e il benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.