Lo zibetto delle palme ed il caffè più costoso del mondo

Lo zibetto comune delle palme (Paradoxurus hermaphroditus Pallas, 1777), o musang, è un carnivoro della famiglia dei Viverridi diffuso nell’Asia sud-orientale.
Questo animaletto che pesa circa 3 kg ed è lungo tra i 42 e i 58 centimetri ha una caratteristica del tutto straordinaria “produce” il caffè più costoso (e dicono gli intenditori, più buono) del mondo.
La nostra storia inizia quando gli olandesi deforestano l’Indonesia e soprattutto Giava e Sumatra per importare la più redditizia pianta del caffè.
Lo zibetto espropriato del proprio cibo abituale, una speciale linfa di alcune piante, si trasforma in una specie infestante delle piantagioni di caffè ed inizia a nutrirsi delle bacche di questa pianta.
La particolarità è che lo zibetto non digerisce i semi della bacca che espelle con le feci.
Ai lavoratori locali impiegati nelle piantagioni di caffè era vietato il consumo del prodotto. Questi iniziarono quindi a recuperare, lavorare e consumare le bacche di caffè ingerite e defecate dagli zibetti.
Raccogliendo le feci, lavando accuratamente i semi e tostandoli leggermente si ottiene il caffè più raro, pregiato e caro del mondo: il kopi luwak (kopi in indonesiano vuol dire caffè e luwak è il nome dello zibetto).
Se fate un salto in uno Starbucks e chiedete una tazzina di kopi luwak preparatevi a spendere tra i 35 ed i 90 euro!
Non poco per essere un caffè prodotto dalla cacca di uno zibetto!
I motivi che rendono questo caffè cosi speciale probabilmente sono dovuti ai succhi gastrici dell’animale che dissolvano la cuticula che ricopre il seme, principale responsabile del retrogusto amaro della bevanda ma, soprattutto, la preferenza degli zibetti per i frutti più maturi e quindi con chicchi più dolci, operando in tal modo una sorta di selezione di “qualità”.

Contemporaneamente alla diffusione del Kopi Luwak stanno aumentando le preoccupazioni in merito alle condizioni degli animali catturati ed impiegati per la produzione del caffè. Inizialmente, i semi di caffè erano raccolti dagli escrementi degli animali selvatici ma l’insolito processo produttivo e la rarità ne hanno determinato ben presto un aumento di prezzo. Quindi, nel sud-est asiatico sono sorti allevamenti intensivi di zibetti tenuti in gabbia in batteria e alimentati forzatamente in condizioni tali da avere un tasso di mortalità altissimo.

Fortunatamente da qualche anno è partita una campagna internazionale capitanata, fra gli altri, da Tony Wild, il commerciante di caffè che ha fatto scoprire all’occidente il Kopi Luwak, per fermare questo processo produttivo e tornare a quello naturale, più rispettoso dell’ecosistema e del povero zibetto delle palme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.