Il Tex di Nicolò

Uno dei disegnatori di Tex forse non sufficientemente apprezzato è stato il fiorentino Erio Nicolò (1919-1983).
L’artista fiorentino che si era fatto le ossa con la Casa Editrice Universo, disegnando sia per l’Intrepido che per il Monello, approdò a Tex nel 1964 con la storia Dramma nella prateria, pubblicata nei numeri 63 e 64 della serie e firmata insieme con il mitico Galep.
Lo stile di Nicolò era ispirato al famoso cartoonist statunitense Alex Raymond ed era caratterizzato da un’estrema dinamicità del tratto, anche a scapito di un tratteggio approfondito dei personaggi.
Autore veloce e prolifico Nicolò in venti anni di collaborazione con la Bonelli firmerà ventitré storie, alcune delle quali tra le migliori del Nostro.
Fra l’altro suoi sono i disegni della storia più lunga scritta dal padre di Tex, Gian Luigi Bonelli “Il grande intrigo” n. 141-145 della serie.
Morirà di infarto nella sua Firenze, all’età di 64 anni, lasciando incompiuta l’avventura “Un mondo perduto” n. 282, completata postuma da Vincenzo Monti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.