venerdì, Maggio 7

Cronaca e scienze forensi

Vittimologia: il punto di vista criminologico
Cronaca e scienze forensi, Psicologia, Sociologia

Vittimologia: il punto di vista criminologico

La vittima diventa oggetto d’interesse criminologico a partire dagli anni 40-50, anni in cui si sviluppa la «vittimologia» come scienza. La Prima vittimologia (anni 40-70) studia la conoscenza del ruolo della vittima nell’evento criminoso per meglio comprendere la dinamica e la personalità del criminale. La Seconda vittimologia (dopo gli anni 70) invece, mira ad un aiuto ed assistenza alle vittime, non solo di agito criminale ma anche di eventi catastrofici nell’ottica di prevenzione, assistenza, protezione. La vittimologia come branca della criminologia Occorre distinguere la vittimologia intesa come scienza autonoma che si occupa delle vittime in senso generale (ad es. le vittime degli incidenti stradali), dalla vittimologia come branca della Criminologia che si occupa in man...
Chi è in realtà il serial killer?
Cronaca e scienze forensi

Chi è in realtà il serial killer?

La figura del serial killer è entrata nell’immaginario collettivo attraverso le raffigurazioni prodotte nei vari ambiti estetico-artistici in cui si è cimentato l’uomo. Troviamo romanzi e film thriller in cui questa figura è sempre più articolata e complessa ma allo stesso tempo inquietante. Serial Killer o pluriomicida? Il pubblico è sempre più curioso, ma in realtà chi è il serial killer? Ricorreremo alla criminologia per approfondire questo tema. Quest’ultima lo definisce come colui che commette una serie di omicidi (due o più) in tempi e luoghi diversi. La maggior parte delle volte il soggetto agisce da solo e spesso il motivo è psicologico o comportamentale. Solitamente la scena del crimine mostra in particolare caratteri sadici e a sfondo sessuale. L’aggettivo seriale rim...
I vizi privati dei marchesi Casati
Cronaca e scienze forensi

I vizi privati dei marchesi Casati

L'estate del 1970 viene segnata da uno dei delitti più scabrosi della Repubblica. Le perversioni sessuali di un'aristocratica coppia fa da sfondo ad un fatto di cronaca che dominerà per settimane i media italiani con una componente morbosa di voyeurismo a cui si abbevereranno compulsivamente milioni di italiani. Il 30 agosto 1970 alcuni colpi d’arma da fuoco risuonarono nelle stanze private di un prestigioso appartamento di via Puccini, a Roma, zona Parioli. In quella casa abitano il marchese Camillo Casati Stampa di Soncino e la sua bella moglie, Anna Fallarino. Casati membro di una famiglia molto ricca e conosciuta dell'aristocrazia romana ha 45 anni, sua moglie 41. Anna Fallarino, contrariamente al marito, ha origini umili, anzi addirittura povere ed ha contato esclusiv...
Il delitto  della “Dolce Vita”
Cronaca e scienze forensi, Storia

Il delitto della “Dolce Vita”

Il capolavoro di Fellini "La dolce vita" rappresenta una parte dello spaccato romano che caratterizza i "favolosi" Sessanta. Benessere economico, mode e mondanità, ricerca edonistica del piacere, corsa al successo sono tutti ingredienti di quel periodo. E' in questo clima che matura uno degli omicidi più strani della cronaca italiana. Il 2 maggio 1963, al quarto piano di un edificio in via Emilia 81, alle spalle di via Veneto, strada iconica della dolce vita romana, viene trovata massacrata da innumerevoli coltellate Christa Wanninger, una bellissima ragazza bionda di 23 anni. Nata a Monaco di Baviera, questa avvenente ragazza aveva aspirazioni come attrice cinematografica, passione che l'aveva condotta a Roma, ed in particolare a Cinecittà, all'epoca i più importanti ...
2020: un anno che passerà alla storia
Cronaca e scienze forensi, Storia

2020: un anno che passerà alla storia

Ogni anno che passa aggiunge un tassello alla storia collettiva dell'umanità, alle nazioni ed ai popoli di questo pianeta, ma anche alle piccole storie individuali di ciascuno di noi. Tutti questi anni fanno la storia, ma non tutti sono uguali, alcuni di essi segnano in profondità un secolo o comunque un largo periodo del tempo umano. Il 2020 è uno di questi. Probabilmente nessuno avrebbe immaginato la sua drammatica peculiarità quando si accingeva a festeggiare l'epilogo del 2019. L'anno si apre con la prosecuzione dei drammatici incendi australiani che hanno già ucciso mezzo miliardo di animali. Una catastrofe ambientale come "tante" che ricorda gli incendi californiani che lambiscono e talvolta inghiottono le ville delle star di Hollywood. Poi la situazione precipita. ...