sabato, Novembre 19
Shadow

Autore: Pierangelo Lupo

Ciao, sono Pierangelo, 30 anni.
Dottore in scienze e tecnologie alimentari, appassionato di storia, escursionismo e produzioni agroalimentari.
Gli insetti: il  cibo  del  futuro

Gli insetti: il cibo del futuro

Animali, Food
In alcune parti del mondo (in Asia per la precisione), sono fra gli alimenti presenti nella normale dieta rispetto agli standard europei, dove ci si limita alla sola chiocciola (la lumaca francese) o come “ingrediente” in un tipo di formaggio pecorino (cazu Marzu). Oggigiorno, anche grazie al tema della sostenibilità ambientale, e della fame del mondo sempre più imperante, si stanno rivalutando quale fonte proteica a basso costo e in quantità produttiva maggiore, per livelli produttivi, rispetto alla carne. Parliamo degli insetti! Nel mondo si consumano più di 1.900 specie di insetti, quelli più comunemente usati come cibo sono: coleotteri (31%); lepidotteri (bruchi, 18%); api, vespe e formiche (imenotteri, 14%), cavallette, locuste e grilli (Ortotteri, 13%); c...
Pane e salame!

Pane e salame!

Food
O penduli salami, cotechini di Bologna, soavi mortadelle con il grasso che cola a fior di pelle! Profumati biroldi, salamini, sopressate stupende! O vaghe, o buone salsicce che pendete come liane! O rosee, vaghissime collane! E tu, maestosissimo zampone […] A voi salve, o salumi bene amati, e a quei maiali dei vostri antenati. Questa ode umoristica di Riccardo Morbelli (1907-1966) ci introduce al sapido, profumato e gustoso mondo dei salami e dei salumi, pilastri inossidabili della nostra dieta. All'inizio c'era la carne La carne è un alimento fondamentale per l’uomo, dato il suo contenuto di proteine e amminoacidi ad alto valore biologico, i quali sono assimilabili solamente con la dieta, oltre che per i minerali e le vitamine del gruppo B (in particolare la B12). Da essa,...
La birra: l’acolico  “biondo” che fa impazzire il mondo

La birra: l’acolico “biondo” che fa impazzire il mondo

Food
Una delle principali bevande alcoliche consumate in Italia, dopo il vino (principe delle bevande alcoliche), è la birra. Sospinta da campagne pubblicitarie suadenti e creative che sono entrate nell'immaginario collettivo la birra è diventato un prodotto di largo consumo tanto da insidiare il vino. Già nel 1929 veniva lanciata una campagna pubblicitaria con un claim che prometteva "Chi beve birra campa centanni". Di campagna in campagna si giungeva fino a quella degli Anni Ottanta targata Renzo Arbore che enfatizzava le qualità della birra concludendo lo spot con il tormentone "Meditate, gente, meditate". Cosa troverete in questo articolo: Cenni storici Ma cos'è la birra e come si produce La classificazione della birra La tecnologia nella produzione della birra ...
L’aceto balsamico, il “principe” degli aceti

L’aceto balsamico, il “principe” degli aceti

Food
L’aceto, di vino o derivante da altre materie prime vegetali, è un liquido acido prodotto da una doppia fermentazione (alcolica ed acetica) di mosti. Cenni storici Questa bevanda, ha una storia abbastanza antica. I greci la chiamavano Oxycrat, i romani Posca. Era una bevanda ricavata da una mescolanza di acqua, aceto e miele, impiegata ai fini medici come disinfettante ma anche come rinvigorente (basti pensare all’aceto e acqua offerto a Cristo). I romani lo usavano per preparare le loro salse (Garum), o le preparazioni a base di formaggio (Moretum). Nel medioevo si produceva, invece, l’Agresto, una bevanda a base di vino acidulo, mosto cotto e spezie. Oggigiorno è uno dei mezzi più comuni di conservazione per gli ortaggi, oltre che un condimento prezioso, specialment...
L’idromele, “l’aceto” degli Dei

L’idromele, “l’aceto” degli Dei

Food
L’aceto, di vino o derivante da altre materie prime vegetali, è un liquido acido impiegato generalmente come condimento o nella preparazione di salse. Questa bevanda, ha una storia abbastanza antica. Le uve, o meglio il vino, non è la sola e principale materia prima per produrre aceto. Di notevole importanza, anche storica, ci sono: l’aceto di Idromele, a base di miele; l’aceto di mele, oltre chedi altre matrici vegetali (riso, canna da zucchero, birra, pere, ecc.). Un caso particolare è l’aceto Idromele (una tipica bevanda prodotta e consumata presso i popoli del Nord Europa a base di miele), rappresenta, rispetto alle matrici di partenza già citate, un’origine animale. L’Idromele rivestiva una notevole i0mportanza per i popoli scandinavi, dato che era la bevanda di Odino, inolt...