• 9 Settembre 2022 19:57

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

NASA risolve il mistero degli “spaghetti” marziani

NASA risolve il mistero degli “spaghetti” marziani. Il curioso caso degli “spaghetti”, un oggetto molto simile ad un filo aggrovigliato, trovati sulla superficie di Marte, è stato risolto dall’agenzia spaziale. Il rover Perseverance ha immortalato un’immagine del bizzarro oggetto, che è stata pubblicata, per la prima volta, il mese scorso.

Gli scienziati, inizialmente, sono rimasti molto perplessi quando è stato individuato lo strano oggetto, che ha suscitato molti dibattiti online e un certo numero di esperti ha fornito le proprie spiegazioni sul materiale “alieno” rinvenuto il 12 luglio.

L’oggetto ha scatenato molte teorie, soprattutto dagli appassionati di astronomia. Potrebbe essere una prova di vita aliena? In realtà è stato scoperta una spiegazione molto più semplice. La NASA ha deciso di rilasciare una dichiarazione ufficiale sull’oggetto per confermare di cosa si trattasse, affermando che in realtà era una parte del rover stesso.

L’oggetto individuato

Il materiale, molto simile ad un filo, è molto probabilmente un pezzo di rete Dacron triturata, secondo quanto confermato dalla NASA. Il dacron è un materiale molto simile al poliestere, una fibra sintetica incorporata con resina spesso utilizzata in tessuti per vele ad alte prestazioni, che viene utilizzato per proteggere il rover dalle temperature estreme di Marte durante l’atterraggio. Quindi si tratta probabilmente di una parte della coperta di protezione termica di Perseverance.

Justin Maki, Imaging Scientist del Jet Propulsion Laboratory della NASA, la scorsa settimana ha postato in un blog che: “Gli spaghetti sono un pezzo di rete di coperte termiche, che sono state utilizzate durante la fase di discesa del rover Perseverance. Il pezzo di rete sembra aver subito un significativo disfacimento, suggerendo così che è stato sottoposto a delle forze molto forti”.

Ma come è finita questa rete sulla superficie di Marte? Secondo Justin Maki “quando Perseverance è atterrato su Marte, il 18 febbraio 2021, l’hardware di entrata, discesa e atterraggio (EDL) è stato rilasciato in superficie ad una distanza di sicurezza dal rover. Alcuni componenti dell’hardware EDL si sono rotti in parti più piccole quando hanno urtato la superficie. Questi detriti EDL sono stati individuati nelle immagini della regione di Hogwallow Flats”.

Hogwallow Flats, situato a circa 2 km a nord-ovest delle zone di atterraggio, sembra essere una zona di raccolta naturale per i detriti EDL, che finiscono nelle regione perché trasportati dal vento. Justin Maki ha quindi teorizzato che il vento, probabilmente, ha trasportato i detriti alle Flats nel corso di pochi giorni.

Conclusioni

Questa non è la prima volta che un detrito del rover viene ritrovato su Marte. Precedentemente, parti dell’EDL sono state trovate intorno al sito in cui è atterrato Perseverance e l’elicottero Ingenuity, che hanno rilasciato anche un guscio protettivo e il paracadute vicino a delle rocce sulla superficie di Marte.

L’obiettivo principale di Perseverance è raccogliere campioni di roccia e suolo da Marte, materiali che saranno studiati da esperti una volta che il rover tornerà intorno al 2030. I ricercatori stanno cercando di individuare prove di vita e informazioni per installare una colonia sul pianeta. Per questo motivo stanno cercando in tutti i modi di mantenere i dati il più incontaminati possibile. I team di campionamento continueranno ancora a monitorare potenziali fonti di contaminazione, così da garantire l’integrità della cache dei campioni restituita.

FONTE:

https://www.moneycontrol.com/news/trends/the-curious-case-of-spaghetti-on-mars-has-been-solved-by-nasa-8986621.html

https://www.wionews.com/science/nasa-solves-mystery-of-spaghetti-like-object-found-on-surface-of-mars-505156

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.