• 21 Settembre 2022 10:49

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

Marte: annunciata la prima missione commerciale. La missione è progettata da due compagnie private che mirano ad arrivare su Marte nel 2024, anticipando la SpaceX.

Se la missione va come programmata un razzo Relativity Space Terran R lancerà un lander Impulse Space su Marte nel 2024. Le due società spaziali, che si sono unite insieme per la missione, sono la Relativity Space e l’Impulse Space. Le due società stanno progettando insieme la missione di atterraggio con un lander.

La corsa verso Marte

La Relativity Space e l’Impulse Space, hanno annunciato il 19 luglio che stanno collaborando per riuscire a lanciare la prima missione commerciale su Marte, molti anni prima del primo potenziale viaggio programmato dalla SpaceX, nota per i suoi piani a lungo termine per stabilire un insediamento umano sul pianeta rosso.

La Relativity Space fornirebbe il razzo Terran R, uno strumento riutilizzabile per lanciare la missione, mentre l’Impulse Space fornirebbe il Mars Cruise Vehicle e il Mars Lander per poter posizionare l’equipaggiamento sulla superficie marziana.

La data scelta dalle società la candiderebbe al primo posto per la corsa su Marte. Se riuscissero a portare a termine l’impresa, potrebbero divenire le prime compagnie spaziali commerciali a raggiungere Marte. Le due compagnie, ad oggi, non hanno mai messo un singolo carico utile nello spazio. Le due società hanno comunque le basi per quanto riguarda le missioni spaziali.

La missione è progettata da due compagnie private che mirano ad arrivare su Marte nel 2024
Illustrazione artistica del razzo Terran R di Relativity Space, un veicolo stampato in 3D completamente riutilizzabile che dovrebbe iniziare a volare nel 2024. Lo strumento trasporterà il lander commerciale Mars Impulse Space sul pianeta rosso (Credito immagine: Impulse Space)

La Relativity Space e l’Impulse Space

La Relativity Space, stata fondata nel 2015, è stata pioniera nell’uso di stampanti 3D in metallo per produrre fusoliere e motori dei suoi razzi, un approccio di produzione che, secondo quanto sostenuto dalla società, riduce la complessità della catena di approvvigionamento e le tempistiche di sviluppo.

La Relativity Space, attualmente, gestisce, o sta sviluppando, diverse strutture di lancio e le relative infrastrutture in diverse installazioni della US Air Force e della NASA. La missione progettata per il 2024 sarebbe il primo lancio di Relativity del Terran R.

L’Impulse Space, fondata nel 2021, vuole consentire “la consegna del carico utile spaziale dell’ultimo miglio a basso costo” in modo che i clienti possano “accedere a qualsiasi orbita” o persino raggiungere altri mondi.

La società è specializzata nella “creazione di veicoli di manovra orbitale specifici per la consegna del carico utile dell’ultimo miglio”, esattamente come i due veicoli che ha proposto per la missione su Marte del 2024 insieme alla Relativity Space.

La missione pianificata per il 2024 sarà la prima, nonostante ciò i leader di entrambe le società hanno chiarito di avere fiducia che questa partnership possa portare un carico utile su Marte.

Un diagramma del lander commerciale su Marte sviluppato dalla Impulse Space, che volerà su un razzo Relativity Space Terran R già nel 2024.(Credito immagine: Impulse Space)

Conclusioni

Tom Mueller, fondatore e CEO di Impulse Space, ha affermato che: “Questa è una pietra miliare importante sia per l’Impulse che per la Relativity, ma anche per l’intera industria spaziale. Uno degli aspetti più impegnativi dell’atterraggio su Marte è la ‘fase di planata’, che prevede un aeroshell per incapsulare il lander per la sopravvivenza dell’ingresso su Marte. Con la potenza dei nostri team combinati, in cui sono presenti esperienza e passione, sono molto fiducioso che riusciremo in questa storica missione, che sarà solo la prima delle tante a venire”.

Tom Mueller della Impulse è stato un membro fondatore di SpaceX e ha guidato il suo dipartimento di propulsione dal 2014 al 2019. In precedenza aveva prestato servizio come vicepresidente di Propulsion Engineering dal 2002 al 2014.

Tim Ellis, il cofondatore e CEO di Relativity Space, afferma che la partnership tra le due aziende rende possibile il sogno dell’umanità di raggiungere Marte. Secondo Tim EllisPer riuscire a costruire un futuro su Marte bisogna unire insieme le aziende a lavorare verso un unico obiettivo. Questa è una sfida monumentale, ma che, raggiunta con successo, amplierà le possibilità dell’esperienza umana su due pianeti”.

Tom Mueller, conclude affermando che: “L’atterraggio di un velivolo su Marte entro il 2024 è una sfida immensa, e mentre ci sono molti oppositori che pensano che la missione sia improbabile che abbia successo, quel livello di sfida è esattamente quello che l’azienda vuole portare a termine. Dobbiamo fare cose che la gente pensa non possano essere realizzate”.

FONTE:

https://www.space.com/relativity-space-private-mars-mission-launching-2024?fbclid=IwAR33_QnFf1owh60WBqbJW-prUryPbcW5itKpx3KqgB-6IYOGUy44-7bt3Lo

FONTI IMMAGINI:

https://www.gexperience.it/due-compagnie-di-cui-non-hai-mai-sentito-parlare-possono-arrivare-prima-su-marte/

https://www.globalscience.it/37196/annunciata-la-prima-missione-commerciale-verso-marte/

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.