• 6 Agosto 2022 7:41

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

Anche gli elefanti hanno un cuore (tenero)

La perdita di persone care è di certo motivo di dolore per noi, in ogni caso. Talvolta però ci può essere anche una certa “consolazione economica”, se si entra in possesso di consistenti eredità, in terreni, case e denaro. Tale secondo aspetto risulta ovviamente estraneo al naturale e sorprendente senso di lutto che mostrano certi mammiferi, come elefanti, delfini, scimmie e cani. Questi ultimi, in particolare, appaiono addolorati dalla perdita dei loro padroni anche per molto tempo dopo la loro scomparsa.

In generale c’è da rilevare che per molto tempo gli studiosi hanno ritenuto che gli animali non fossero in grado di provare emozioni, attribuendo loro solo comportamenti istintivi e meccanici. Ma sono tanti gli esempi di ieri ed oggi che provano la manifestazione di loro sentimenti, a volte in modo inequivocabile: gioia, rabbia, dolore. C’è da sottolineare però che vari animali emettono lacrime in varie circostanze, ma spesso per motivi di “pulizia” e disinfezione.

Gli elefanti, questi giganti che raggiungono stazze e pesi enormi, da 4 a 6,5 tonnellate, sono invece capaci di piangere, emettendo non solo lacrime di dispiacere, ma anche di gioia e conforto.

Assai commovente in proposito la storia travagliata di Raju, elefante indiano separato presto dalla madre da cacciatori di frodo, venduto successivamente a ben 26 padroni, tutti senza scrupoli e senza pietà.  Per 50 anni, senza cure igieniche e cibo adeguati, il povero animale ha potuto contare quasi solo sul cibo dei turisti, ma legato sempre ad una  stretta catena, che gli provocava ferite e dolori.

Per fortuna, un’associazione che opera in aiuto agli animali è riuscita a strapparlo dall’ultimo padrone, liberandolo e consegnandolo ad un gruppo di altri, che lo hanno accolto bene. Ebbene, mentre gli toglievano le pesanti catene, Raju ha versato lacrime copiose! Chissà come e da quanto aveva sperato un momento simile! Anche un altro elefante anziano, Sook Jai ha pianto, al momento della liberazione, dopo ben 73 anni di cattività.

Invece in altri casi ci sono lacrime evidenti di sofferenza e lutto.

Si sono visti piccoli elefanti piangere quando la loro madre veniva uccisa. Ma tra i fenomeni più evidenti che dimostrano il dolore provato dai pachidermi, sono senz’altro certi “riti funebri” organizzati per la morte di componenti del gruppo, in particolare le matriarche. Innanzitutto il corpo del defunto, prima toccato con la proboscide, quasi come ultimo saluto, sollevando e spostandone le ossa, viene coperto con rami e terra, per proteggerlo dai predatori. Restano per molto tempo, anche vari giorni, presso il morto, una veglia interrotta solo per bere e mangiare.  Anche in situazioni di grave pericolo di vita, gli elefanti possono piangere.

Persino i vitelli possono piangere, se separati dalle madri. I cani possono farlo in circostanze pericolose e se imprigionati. Commovente la reazione di un cane abbandonato a Cracovia nel ricevere le prime carezze: una serie di grida liberatorie. I cani sono poi certamente quelli con sofferenze interiori più persistenti nel tempo, potendo restare per vari anni presso le tombe dei padroni.

Molti animali  sono dotati quindi non soltanto di sensi più raffinati e potenti dei nostri, ma anche di una spiccata sensibilità emotiva. Hanno perciò bisogno costante parte nostra di cura, rispetto ed affetto. Non dovrebbero certo essere sfruttati come succede agli elefanti in India per attrazione, trasporti e per il taglio di peli per amuleti (o altre parti del corpo). Esiste un vero mercato redditizio delle zanne, fatte di avorio, utilizzate per gioielli ed oggetti vari. In una decina d’anni la popolazione africana si è ridotta a meno della metà.

Altre forme di maltrattamento verso animali sono l’abbandono di cani e gatti, la vivisezione e le condizioni di vita non sempre adeguate in certi circhi. Per fortuna, una legge recente riconosce i “delitti contro il sentimento per gli animali”, punendoli, a seconda della gravità, con la detenzione anche superiore ad un anno, e col pagamento di ingenti multe, fino a circa 30.000 euro.    

(Foto da Pinterest)

VIDEO:

Dante Iagrossi

LAUREATO IN FISICA, DOCENTE DI MATEMATICA E SCIENZE ALLE MEDIE, ORA IN PENSIONE, SI E' APPASSIONATO SOPRATTUTTO ALLA BIOLOGIA E PROBLEMATICHE AMBIENTALI. HA SCRITTO VARI ARTICOLI DIVULGATIVI, ALCUNI PUBBLICATI IN RETE, DOPO LA LETTURA DI SAGGI E RICERCHE SCIENTIFICHE.  IL RACCORDO TRA SCUOLA E RICERCA NON E' FACILE, MA SI PUO' TENTARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.