• 27 Luglio 2022 6:09

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

Ecco quando si potranno vedere le immagini del James Webb

Ecco quando si potranno vedere le immagini del James Webb. Il telescopio si trova attualmente in viaggio verso la sua destinazione finale. La sua posizione sarà ad una distanza dal nostro pianeta di circa un milione e mezzo di chilometri.

Ma a che punto si trova attualmente il telescopio e quando potremmo vedere le sue immagini dell’universo che ci circonda? Il telescopio spaziale James Webb è lo strumento più grande che sia mai stato lanciato fino ad ora nello spazio.

Lo strumento, che è stato lanciato lo scorso 25 dicembre alle 13:20 ora italiana, dovrà posizionarsi nel punto lagrangiano L2. Questo è situato a circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. Il telescopio, da qui, sarà in grado di analizzare le lunghezze d’onda nella banda infrarossa. Webb, avrà bisogno di un altro mese per riuscire a posizionarsi nell’orbita finale.

Webb e i suoi prossimi obiettivi

Il telescopio, durante questi giorni, ha aperto la sua antenna principale, uno strumento che gli permette di comunicare con la Terra. Successivamente ha dispiegato i supporti che contengono i pannelli che lo proteggono dal Sole.

Webb, nei prossimi giorni dovrà separare la torre centrale, uno strumento che gli permette di stare più distante dal calore che emettono i pannelli solari. Infine, dovrà posizionare il pannello progettato appositamente per riuscire a mantenere stabile il suo baricentro. Il telescopio, in questi giorni, era posizionato ad oltre 550mila chilometri dalla Terra. Lo strumento ha già percorso il 40% dei chilometri che lo separano dall’orbita da cui comincerà la sua missione.

La NASA ha appositamente creato un sito ad hoc da cui è possibile osservare, in tempo reale, il telescopio che viaggia verso la sua destinazione finale.

Le prime immagini di Webb

L’aspetto più significativo adesso è sapere quando sarà possibile osservare le prime immagini del James Webb. La curiosità è soprattutto dovuta dal fatto che il telescopio sarà in grado di osservare ad una distanza incredibile dalla Terra. Basti pensare a ciò che ha potuto realizzare Hubble, uno strumento che venne lanciato nel 1990 che ci ha fornito un’infinità di immagini. Immaginate cosa potrà fare Webb con la sua tecnologia di ultima generazione.

Il telescopio si posizionerà in L2 tra circa un mesetto. Quindi intorno alla fine di gennaio. Mentre verso i primi di febbraio dovrà aprire completamente la struttura, in cui è situata lo specchio e tutto il resto della strumentazione. Se tutto andrà come previsto entro un mese e mezzo sarà tutto pronto per cominciare la missione.

Gli ingegneri dovranno allineare gli specchi di Webb, degli strumenti dotati di motori che gli permettono di orientarsi e puntare in un determinato luogo. Gli specchi dovranno posizionarsi in modo omogeneo, così da allinearsi tra di loro a formare un unico gigantesco specchio.

Ovviamente dovrà essere tutto svolto alla perfezione e gli specchi non dovranno essere piegati. Questo sarà realizzato attraverso molte piccole manovre, che richiederanno diverse giornate.

Ultime manovre

Il team di Webb dovrà verificare lo stato di tutti gli strumenti scientifici, tra cui sono comprese le camere a bordo del telescopio. Il telescopio, successivamente dovrà abbassare la temperatura della sua strumentazione, da -223 gradi Celsius a -267 gradi Celsius per una delle camere ad infrarossi.

Questa manovra, a cui occorrerà del tempo per raffreddare gli strumenti, verrà eseguita attraverso l’elio liquido presente all’interno. Il team ritiene che occorreranno circa 160 giorni per rendere funzionante Webb, e a quel punto tutto dovrebbe essere pronto per le osservazioni.

Altre informazioni

Per chi si fosse perso il lancio in diretta del telescopio è possibile vederlo al seguente link:

Inoltre, sul sito dell’ESA sono presenti moltissime immagini che sono state catturate durante il lancio del Webb, un momento storico molto importante per la scienza.

FONTE:

https://www-passioneastronomia-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.passioneastronomia.it/james-webb-ecco-quando-vedremo-le-prime-foto/?amp_js_v=a6&amp_gsa=1&amp&usqp=mq331AQIKAGwASCAAgM%3D&fbclid=IwAR2RQyp09PPue_oRDtSD4pJip1ccl-5xQB6jPglWiKWAYqGWIpXNlcqQn0A#aoh=16408785118345&csi=0&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.passioneastronomia.it%2Fjames-webb-ecco-quando-vedremo-le-prime-foto%2F%3Ffbclid%3DIwAR2RQyp09PPue_oRDtSD4pJip1ccl-5xQB6jPglWiKWAYqGWIpXNlcqQn0A

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.