Il secondo lancio di Vega avverrà questa notte

Il secondo lancio del razzo Vega, denominato VV19, avverrà questa notte. Questo porterà con sé in orbita 5 satelliti, tra cui c’è il Ledsat dell’università della Sapienza di Roma.

Il razzo europeo Vega è pronto per effettuare il suo secondo lancio. Questo è stato prodotto all’interno degli stabilimenti di Avio a Colleferro, vicino Roma. Il lancio, programmato alle 03:47 ora italiana del 17 agosto, avverrà dalla base europea di Kourou, nella Guyana Francese.

A lanciare il razzo sarà la Arianespace. Il decollo sarà visibile in diretta online sul sito Space.com, per gentile concessione di Arianespace, oppure direttamente tramite YouTube dell’azienda.  

Il programma del lancio del razzo prevede di portare in orbita il Pléiades Neo 4, e altri 4 piccoli satelliti tra cui il Ledsat. Il Pléiades Neo 4 risulta essere il secondo per quanto riguarda un’innovativa costellazione di satelliti per l’osservazione della Terra. Mentre il Ledsat, invece, è stato realizzato per scopi educativi, grazie al supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana, l’Asi.

Una rappresentazione artistica di un satellite Pléiades Neo in orbita

Il razzo europeo Vega, a 10 mesi dell’evento dell’anomalia registrata nel corso della missione VV17, proverà a volare per la seconda volta per il 2021. Il volo avverrà con un carico a bordo di 1.029 kg. I 5 satelliti, con un lancio che dovrebbe concludersi in un paio di ore, verranno poi rilasciati in due diverse orbite.

La missione segnerà quindi il settimo lancio della Arianespace per il 2021 e il secondo lancio di Vega sempre riferito al 2021. Questa sarà la 19a missione complessiva, dopo il lancio del Pléiades Neo 3 avvenuto ad aprile. 

I satelliti a bordo

Il primo satellite che verrà rilasciato è il Pléiades Neo 4. Questo sarà il secondo dei quattro satelliti previsti, che farà parte della mini-costellazione, interamente realizzata e gestita dall’azienda europea Airbus. Il Pléiades Neo 5 e il Pléiades Neo 6, che andranno a completare la costellazione, dovrebbero essere lanciati nel 2022.

La mini-costellazione avrà come scopo quello di fornire immagini, da qualunque punto della superficie terrestre, con una risoluzione di 30 centimetri 2 volte al giorno. Questa, una volta terminata, diventerà una delle più avanzate al mondo per quanto riguarda la tipologia di osservazioni. Inoltre, fornirà servizi commerciali a istituzioni e aziende.

Subito dopo il Pléiades Neo 4, saranno rilasciati anche gli altri 4 satelliti. Tra questi ci sono i 3 piccoli satelliti cubesat dell’Agenzia Spaziale Europea, l’Esa, che sono il Sunstorm, che avrà l’obiettivo di indagare le potenzialità di alcune nuove tecnologie dedicate allo studio delle eruzioni solari; il Radcube, per poter testare alcune soluzioni per quantificare le radiazioni nello spazio; e infine il Ledsat, un satellite che rientra in un progetto educativo creato dai ricercatori della Sapienza, all’interno dell’ambito del programma educativo europeo Fly Your Satellite!

L’ultimo satellite ad essere rilasciato in orbita sarà il Bro-4, acronimo di Breizh Reconnaissance Orbiter, un mini-satellite di una costellazione creata da una start-up francese dedicata alla sorveglianza marina. Questo è stato realizzato per poter identificare i segnali radio di tutte le navi e le imbarcazioni attive sulla Terra. Inoltre, in futuro dovrà fornire una serie di servizi per quanto riguarda la sorveglianza e la navigazione.

FONTE:

https://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/spazio_astronomia/2021/08/16/questa-notte-il-secondo-lancio-2021-di-vega_6238bcf7-be9e-4e74-bea2-ead836b0aea7.html?fbclid=IwAR0H5bAyke9pRO5UGx2jOQ4QGPHkS7JJWXCmymm1bSva7QMQTMKXB3jouSA

https://www.space.com/arianespace-vega-rocket-pleaides-neo-4-satellites-launch

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.