La sonda Juno scatta meravigliose immagini della Terra

La sonda Juno ha scattato meravigliose immagini della Terra. Le immagini del nostro pianeta, catturate dalla sonda Juno nel 2013, sono state rielaborate e pubblicate all’interno del progetto di citizen science per la JunoCam.

La sonda Juno, della NASA, è stata inviata da quasi cinque anni in orbita attorno a Giove. Lo strumento sta raccogliendo moltissime informazioni di altissimo livello su Giove, il gigante gassoso, e di alcune delle sue numerose lune.

Il viaggio della sonda è cominciato ad agosto del 2011, ma fu il 9 ottobre del 2013 che Juno si trovò a passare vicino alla Terra, così da poter sfruttare l’effetto fionda del fly-by per accelerare. Questa manovra gli ha consentito di raggiungere Giove, che in altro modo non sarebbe potuto avvenire.

La manovra fece compiere a Juno ben 3,9 chilometri al secondo in più, una velocità equivalente a 14.040 chilometri all’ora. Il passaggio molto ravvicinato gli ha inoltre consentito di effettuare ulteriori test per quanto riguarda la JunoCam, una delle macchine fotografiche presenti a bordo.

La JunoCam

La JunoCam, ha immortalato diverse immagini del nostro pianeta. In questo modo è stato possibile accertarsi dell’attendibilità dei colori e informazioni sulla calibrazione dello strumento. Questo per poter poi effettuare le riprese delle immagini del sistema di Giove.

Kevin Gill, programmatore ed esperto nell’elaborazione e nella visualizzazione di dati scientifici, ha deciso di elaborare alcuni degli scatti immortalati dalla sonda Juno, riguardanti la Terra. In questo modo ha permesso a tutti di godere delle meravigliose immagini del nostro pianeta.

Il progetto di citizen science

Il progetto di citizen science, per la JunoCam, ha attratto a se molti appassionati, che possono partecipare in maniera attiva sul sito della Mission Juno.

Le persone che accedono al sito possono partecipare alle discussioni sulle immagini della fotocamera, ed esprimere la loro opinione per quanto riguarda le scelte della missione attualmente in corso. Inoltre, è anche possibile inviare e scaricare le foto dal sito, diventando così un vero e proprio archivio fotografico scientifico.

Ultime informazioni sulla sonda Juno 

La sonda spaziale Juno è stata progettata dalla NASA per analizzare Giove. Il veicolo spaziale è situato in orbita intorno al gigante gassoso dal 4 luglio del 2016.

La sonda è stata lanciata dal Kennedy Space Center, situato in Florida, il 5 agosto del 2011. Il razzo le consentì di raggiungere la giusta propulsione per riuscire a raggiungere la fascia degli asteroidi, presente tra Marte e Giove.

La gravità del Sole, a quel punto, la attirò verso il sistema solare interno. Questo era stato previsto nel piano di volo. Infatti, l’elaborazione del piano prevedeva che la sonda si riavvicinasse alla Terra, per poi effettuare una manovra che fu denominata Earth-Juno Gravity Assist. Questa permise di effettuare il fly-by, ricevendo così tutta la spinta gravitazionale che le serviva per aumentare la velocità e raggiungere Giove.

Il veicolo spaziale ha differenti obiettivi. Tra questi ci sono quello di comprendere le proprietà strutturali e la dinamica generale di Giove e quantificare la composizione dell’atmosfera gioviana. Inoltre, dovrà investigare la struttura tridimensionale della magnetosfera dei poli. Questi sono tutti obiettivi che la sonda dovrà portare a termine prima della fine della sua missione.

https://www.focus.it/scienza/spazio/terra-sonda-juno

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.