SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Le grandi galassie rubano il gas che forma le stelle dalle galassie più piccole

È noto che le grandi galassie rubino il gas che occupa lo spazio tra le stelle delle galassie satelliti più piccole.

In una ricerca pubblicata oggi, gli astronomi hanno scoperto che le piccole galassie satellite contengono anche meno gas “molecolare” nei loro centri.

Il gas molecolare si trova in nuvole giganti al centro delle galassie ed è il “materiale da costruzione” per le nuove stelleLe grandi galassie quindi rubano il materiale di cui le loro controparti più piccole hanno bisogno per formare nuove stelle.

L’autore principale dello studio, il dottor Adam Stevens, è un astrofisico con sede presso l’UWA che lavora per il Centro internazionale per la ricerca in radioastronomia (ICRAR) e affiliato all’ARC Center of Excellence in All Sky Astrophysics in 3 Dimensions (ASTRO 3-D).

Il dottor Stevens ha dichiarato che lo studio fornisce nuove prove sistematiche che le piccole galassie perdono parte del loro gas molecolare, quando si avvicinano ad una galassia più grande ed al suo alone di gas caldo circostante.

Il gas è la linfa vitale di una galassia“, ha dichiarato. “Continuare ad acquisire gas è il modo in cui le galassie crescono e formano stelle. Senza di esso, le galassie ristagnano. Sappiamo da molto tempo che le grandi galassie eliminano il gas “atomico” dalla periferia delle piccole galassie”.

Nell’immagine, vi sono rappresentati due angoli di visuale di una galassia sottoposta a pressure stripping nella simulazione IllustrisTNG. Ogni colonna mostra la materia di una forma diversa nella galassia e nei suoi immediati dintorni. Da sinistra a destra: (1) gas atomico; (2) gas molecolare; (3) tutto il gas; (4) stelle; e (5) materia oscura. (Credit: Adam Stevens / ICRAR)

Barbara Catinella, astronoma dell’ICRAR-UWA, ha affermato che le galassie in genere non vivono isolate.

E quando una galassia si muove attraverso il mezzo intergalattico caldo o l’alone galattico, parte del gas freddo viene strappato via. Questo processo ad azione rapida è noto come pressure stripping”.

La ricerca è stata una collaborazione globale che ha coinvolto scienziati dell’Università del Maryland, Max Planck Institute for Astronomy, Università di Heidelberg, Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, Università di Bologna e Massachusetts Institute of Technology.

Il gas molecolare è molto difficile da rilevare direttamente.

Il team di ricerca ha effettuato una simulazione cosmologica all’avanguardia e ha fatto previsioni dirette per la quantità di gas atomico e molecolare che dovrebbe essere osservato da indagini specifiche sul telescopio Arecibo a Porto Rico e sul telescopio IRAM in Spagna.

Sono state quindi ricavate le osservazioni dai telescopi e sono state confrontate con le loro previsioni originali.

La professoressa Catinella, che ha guidato l’indagine di Arecibo sul gas atomico, ha spiegato che il telescopio IRAM da 30 metri ha osservato il gas molecolare in più di 500 galassie.

Queste sono le osservazioni più profonde e il più grande campione di gas atomico e molecolare nell’universo locale“, ha spiegato.

La scoperta del team coincide con le prove precedenti che suggeriscono che le galassie satelliti hanno tassi di formazione stellare inferiori.

Il dottor Stevens ha dichiarato che il gas di stripping, inizialmente entra nello spazio intorno alla galassia più grande. Ma nella maggior parte dei casi, la galassia più piccola è comunque destinata a fondersi con quella più grande.

Spesso sopravvivono solo per uno o due miliardi di anni e poi finiscono per fondersi con quella più grande“, ha detto il dottor Stevens.

Una volta che le galassie diventano abbastanza grandi, iniziano a fare affidamento sull’ottenere più materia dal cannibalismo delle galassie più piccole“.

Fonte: https://phys.org/news/2021-02-big-galaxies-star-forming-gas-smaller.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: