• Gio. Feb 25th, 2021

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Il nostro linguaggio anche molti mesi prima della fine di una relazione con il proprio partner comincia a cambiare. Il modo in cui si parla è un chiara manifestazione che la relazione sta attraversando una crisi, un segno evidente che la mente sta metabolizzando delle informazioni.

Bisogna prestare molta attenzione alle parole che si usano o ci vengono dette. Infatti, i possibili segnali di una imminente rottura con il partner si possono evidenziare non solo dall’umore, ma anche attraverso il linguaggio che usiamo mesi prima dell’evento finale.

Questo è quanto viene sostenuto da uno studio condotto dai ricercatori dell’Università del Texas ad Austin (USA), che è stato pubblicato su PNAS. La ricerca ha preso in esame le parole utilizzate da 6. 800 utenti in oltre un milione di post pubblicati su Reddit, un sito di social news e forum.

Sarah Seraj, capo dello studio, spiega che: “Ancor prima di essere consapevoli che ci separeremo dal nostro partner, l’imminente separazione influenza la nostra vita e il modo in cui parliamo”. Secondo quanto afferma la ricercatrice le persone, senza rendersene conto, cambiano il modo in cui utilizzano le parole funzionali come preposizioni, articoli o pronomi, che diventano così uno specchio del loro stato psicologico ed emotivo.

Lo studio mette in luce che fino a tre mesi prima che una relazione finisca, il linguaggio di uno o di entrambi i soggetti esaminati diventava molto più personale e informale. Questi aspetti erano un chiaro segno che stava avvenendo un crollo nel pensiero analitico.

Ad esempio l’utilizzo dei pronomi io e noi erano molto più utilizzati nei discorsi, un chiaro segno di un aumento dei processi cognitivi. Sarah Seraj, chiarisce che: “Gli utenti analizzati stavano pensando, e cercando, di risolvere qualcosa, e i loro discorsi si facevano sempre più incentrati su loro stessi”.

In alcuni casi l’utilizzo del pronome io poteva essere ricondotto a dei sentimenti di depressione e tristezza. Infatti, quando siamo depressi tendiamo molto a pensare a noi stessi, non riuscendo così a relazionarci con gli altri.

I risultati della ricerca svolta mettono in evidenza come questa tendenza ad essere egoisti riesca a raggiungere il picco massimo il giorno in cui finisce la relazione, per poi continuare ad essere presente anche diversi mesi dopo la separazione, e presente anche all’interno di discussioni non inerenti alla fine di una storia d’amore.

È stato notato che dopo la fine di un amore alcuni utenti monitorati hanno impiegato diverso tempo a riuscire a superare la fine della relazione con il partner. Ciò è stato riscontrato dalle lunghe discussioni intraprese dagli utenti, che sono durate anche diversi mesi all’interno dei forum dedicati di Reddit. Inoltre, la ricerca sottolinea che nei soggetti presi in esame c’è voluto anche un anno per tornare al loro linguaggio normale.

Kate Blackburn, uno degli autori, spiega che: “Ciò che rende questo progetto affascinante è il fatto che, attraverso la tecnologia, possiamo vedere in tempo reale in che modo le persone reagiscono a una separazione”. Inoltre, conclude sottolineando che i risultati della ricerca possono risultare molto utili per chiunque voglia capire a pieno le reazioni dei propri cari alla fine di una relazione.

Fonte:

https://www.focus.it/amp/comportamento/psicologia/dimmi-come-parli-e-ti-diro-se-la-tua-relazione-e-al-capolinea?fbclid=IwAR0vMM_Cn_6-tJC4duLL19Nv-RrRu7kHmacxCf84vfwCQs4BJhK-xeOQIUc

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.