Gli astronomi confermano l’orbita dell’oggetto più distante mai osservato nel nostro sistema solare

Un team di astronomi, tra cui il professore associato Chad Trujillo del Dipartimento di Astronomia e Scienze Planetarie della Northern Arizona University, ha confermato l’orbita di un planetoide, che è quasi quattro volte più lontano dal Sole di Plutone, rendendolo l’oggetto più distante mai osservato nel nostro sistema solare. Il planetoide, che è stato soprannominato “Farfarout“, è stato rilevato per la prima volta nel 2018 e il team ha ora raccolto abbastanza osservazioni per definire la sua orbita. Il Minor Planet Center gli ha ora assegnato la designazione ufficiale di AG37 2018.

Il soprannome di Farfarout lo distingue dal precedente detentore del record “Farout“, trovato dallo stesso team di astronomi sempre nel 2018. Oltre a Trujillo, il team include Scott S. Sheppard della Carnegie Institution for Science e David Tholen dell’Università delle Hawaii Institute for Astronomy, che ha un’indagine in corso per mappare il sistema solare esterno oltre Plutone.

A Farfarout verrà dato un nome ufficiale (come Sedna e altri oggetti simili) dopo che la sua orbita sarà stata meglio determinata nei prossimi anni. È stato scoperto con il telescopio Subaru da 8 metri, situato in cima a Maunakea alle Hawaii e recuperato utilizzando i telescopi Gemini North e Magellan per determinare la sua orbita in base al suo movimento lento nel cielo.

La distanza media di Farfarout dal Sole è di 132 unità astronomiche (au); 1 au è la distanza tra la Terra e il Sole. Per fare un confronto, Plutone è a soli 39 au dal Sole. L’oggetto appena scoperto ha un’orbita molto allungata che lo porta a 175 au nel punto più distante, e all’interno dell’orbita di Nettuno, a circa 27 au, quando è vicino al Sole.

Farfarout per girare attorno al Sole, impiega circa mille anni, attraversando ogni volta l’orbita dell’enorme pianeta Nettuno. Ciò significa che Farfarout ha probabilmente sperimentato forti interazioni gravitazionali con Nettuno durante l’età del sistema solare. Questo è il motivo per cui ha un’orbita così grande e allungata.

Una singola orbita di Farfarout attorno al Sole richiede un millennio“, ha detto Tholen. “A causa di questo lungo orbitale, si muove molto lentamente attraverso il cielo, richiedendo diversi anni di osservazioni per determinare con precisione la sua traiettoria“.

Farfarout è molto debole e, in base alla sua luminosità e alla distanza dal Sole, il team stima che le sue dimensioni siano di circa 400 km di diametro.

La scoperta di Farfarout mostra la nostra crescente capacità di mappare il sistema solare esterno e osservare sempre più lontano verso i suoi margini“, ha detto Sheppard. “Solo con i progressi, degli ultimi anni, delle grandi fotocamere digitali su telescopi molto grandi, è stato possibile scoprire in modo efficiente oggetti molto distanti come questo pianetoide. Farfarout è solo la punta dell’iceberg degli oggetti in un sistema solare molto distante“.

Poiché Nettuno interagisce fortemente con Farfarout, l’orbita e il movimento di Farfarout non possono essere utilizzati per determinare se esiste un altro pianeta massiccio sconosciuto in quel sistema solare, poiché queste interazioni dominano le dinamiche orbitali di Farfarout

Solo quegli oggetti le cui orbite rimangono in un sistema solare molto distante, ben oltre l’influenza gravitazionale di Nettuno, possono essere usati per sondare i segni di un pianeta massiccio sconosciuto. Questi includono Sedna e 2012 VP113, che, sebbene siano attualmente più vicini al Sole di Farfarout (a circa 80 UA), non si avvicinano mai a Nettuno e quindi sarebbero fortemente influenzati da un possibile Pianeta X.

Le dinamiche orbitali di Farfarout possono aiutarci a capire come si è formato ed evoluto Nettuno, poiché in un lontano passato, Farfarout è stato probabilmente gettato nel sistema solare esterno essendosi avvicinato troppo a Nettuno“, ha detto Trujillo. “Farfarout probabilmente interagirà nuovamente con Nettuno poiché le loro orbite continuano a intersecarsi“.

Fonte: https://phys.org/news/2021-02-astronomers-orbit-distant-solar.html?fbclid=IwAR2Zx_n4BeeMPqCicAuPqL72wGmoK7WpdCvh_XiKGoJf1Qtd__aL70r1jOc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.