• Lun. Mar 1st, 2021

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Trovato in Israele osso di uro inciso, risalente a 120.000 anni fa

Un frammento osseo animale di 120.000 anni, con sei linee incise, è una delle più antiche rappresentazioni di modelli astratti prodotti dagli ominini del Paleolitico e dell’età della pietra medi. E’ inoltre il più antico finora conosciuto nel Levante.

Il frammento osseo inciso è stato recuperato nel sito archeologico all’aperto di Nesher Ramla, sulle pendici occidentali delle colline della Giudea nel centro di Israele.

L’esemplare è stato datato all’inizio del periodo della fase 5 dell’isotopo marino (120.000 anni fa).

L’osso proveniva da un uro ( Bos primigenius ), una specie estinta di bue che abitava l’Europa, l’Asia e il Nord Africa.

Il sito è stato probabilmente utilizzato come un campo o un luogo di incontro per i cacciatori paleolitici che poi avrebbero massacrato gli animali catturati in quel luogo“, ha detto il Dr. Yossi Zaidner, un archeologo dell’Istituto di Archeologia dell’Università Ebraica.

Si ritiene che l’osso identificato provenga da un uro, una specie estinta di bovini selvatici“.

I ricercatori hanno studiato l’osso inciso utilizzando immagini 3D e metodi di analisi microscopici.

Gli studiosi pensano che le incisioni siano state molto probabilmente prodotte da un individuo destrorso in un’unica sessione di lavoro.

Le caratteristiche delle incisioni, in particolare la presenza di lucidatura longitudinale e striature in una delle incisioni, suggeriscono che siano state eseguite da una scaglia di selce ritoccata.

Sulla base delle nostre analisi di laboratorio e della scoperta di elementi microscopici, siamo stati in grado di supporre che le persone in epoca preistorica usassero uno strumento affilato, ricavato dalla pietra focaia, per realizzare le incisioni“, ha affermato la dottoressa Iris Groman-Yaroslavski, archeologa dell’Istituto Zinman di Archeologia presso l’Università di Haifa.

Secondo il team, la produzione delle incisioni è probabilmente correlata a un comportamento simbolico.

C’è un messaggio preciso dietro ciò che era stato scolpito nell’osso“, ha affermato la prima autrice dello studio Marion Prévost, archeologa dell’Istituto di archeologia dell’Università ebraica. “Rifiutiamo qualsiasi supposizione che questi solchi fossero una sorta di scarabocchio involontario perché, diversamente, non ci sarebbe stata attenzione ai dettagli“.

Ipotizziamo che la scelta di questo particolare osso fosse correlata allo status di quell’animale in quella comunità di cacciatori ed è indicativa del legame spirituale che i cacciatori avevano con gli animali che uccidevano“, hanno detto gli studiosi.

È giusto dire che abbiamo scoperto una delle più antiche incisioni simboliche mai trovate sulla Terra e certamente la più antica del Levante“, ha affermato il dottor Zaidner.

Questa scoperta ha implicazioni molto importanti per la comprensione di come l’espressione simbolica si sia sviluppata negli esseri umani. Allo stesso tempo, anche se non è ancora possibile determinare il significato esatto di questi simboli, speriamo che la continua ricerca sveli quei dettagli chiave“.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Quaternary International .

Fonte: http://www.sci-news.com/archaeology/engraved-aurochs-bone-nesher-ramla-israel-09326.html

Rita Cazzetta

Futura laureanda in architettura, sono un'appassionata di libri, film e serie tv. Mi piace anche trattare argomenti riguardanti l'astronomia, la scienza in generale, l'architettura, la storia, la salute e il benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.