• Lun. Mar 1st, 2021

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Il telescopio MeerKat, attraverso una serie di osservazioni, ha ricreato l’immagine più dettagliata mai ottenuta fino ad ora della distribuzione di gas idrogeno freddo presente in un gruppo di galassie che orbitano intorno alla gigantesca galassia Fornax A. Dane Kleiner, autore dello scatto, fa parte di un team condotto da Paolo Serra, dell’INAF di Cagliari.

Il MeerKat è formato da una rete di 64 telescopi costruita in Sudafrica come precursore del più grande progetto di radioastronomia al mondo, lo Square Kilometre Array, Ska, del quale il 4 febbraio 2021, ne è stata inaugurata l’organizzazione intergovernativa, lo Skao, l’Osservatorio Ska.

Il telescopio presente in Sudafrica continua ancora a stupire grazie alle sue immagini prodotte dalla sua rete di radiotelescopi. A capo dello studio c’è il ricercatore Paolo Serra, dell’INAF di Cagliari, che sta conducendo uno dei progetti di punta di questo avveniristico telescopio, che è stato denominato “MeerKat Fornax Survey”.

Nella nuova ricerca, che verrà pubblicata su Astronomy & Astrophysics e che ha come primo autore l’australiano Dane Kleiner, anch’egli all’INAF di Cagliari e membro del team guidato da Serra, sarà presentata un immagine dettagliata mai ottenuta prima della distribuzione di gas idrogeno freddo, che costituisce il materiale di base per la formazione di nuove stelle, che è presente nel gruppo di galassie che orbitano intorno alla gigantesca galassia Fornax A.

Il team, grazie alle osservazioni effettuate, è stato indotto a teorizzare che questo gruppo di galassie sia in una fase di caduta verso l’ammasso di galassie Fornax, a causa della forte attrazione gravitazionale.

L’immagine di Kleiner ha rivelato diversi stadi evolutivi delle galassie del gruppo, in cui sono presenti quelle con dei cospicui ed estesi dischi di gas freddo, mentre in altre ci sono delle regioni esterne del disco gassoso che risultano perturbate da interazioni, sia con altre galassie, che con il gas caldo che riempie lo spazio tra di esse. Infine, ci sono altre galassie in cui il disco gassoso è ormai ridotto ad una dimensione minima e confinato alle regioni galattiche più interne.

L’osservazione effettuata mostra come l’evoluzione delle galassie verso una progressiva diminuzione delle loro riserve di gas freddo, una condizione tipica delle regioni centrali degli ammassi di galassie, cominci già all’interno dei gruppi che si trovano alla periferia degli ammassi stessi.

Le interazioni, che portano ad una perdita di gas freddo, sono decisamente evidenti attraverso l’individuazione dei filamenti e delle nuvole isolate di gas freddo presenti nello spazio tra le galassie del gruppo. Questo gas un tempo era situato all’interno di quelle stesse galassie, che successivamente, in qualche modo, è stato rilasciato.

I filamenti e le nuvole di gas, in modo del tutto inaspettato, coesistono con degli altrettanti spettacolari filamenti e nuvole di gas caldo, che risultano visibili anche con i telescopi ottici. Al momento non è ancora chiaro fino a quando possa durare la coesistenza tra queste diverse componenti gassose nello spazio intergalattico.

Fonte:

https://www-media-inaf-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.media.inaf.it/2021/02/05/lidrogeno-freddo-come-non-si-e-mai-visto/amp/?amp_js_v=a6&amp_gsa=1&usqp=mq331AQFKAGwASA%3D&fbclid=IwAR0eA748j2wxXlh-Omr87yhm4xOfyXbWJCQBS9wK8ayRbj5hM_fyAUmreXQ#aoh=16126489230195&csi=0&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.media.inaf.it%2F2021%2F02%2F05%2Flidrogeno-freddo-come-non-si-e-mai-visto%2F

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.