• Lun. Mar 1st, 2021

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Sembrerebbe possibile entrare in un buco nero, ma solamente con due condizioni. Per chi ha visto il film Interstellar, dove il protagonista entra in un buco nero, magari è un evento che sa già immaginare. Ovviamente quello che accade nel film si basa molto sulla fantasia, perché nella realtà avvicinarsi ad un buco nero potrebbe causare la morte.

Nonostante ciò ci sarebbe un modo per poter entrare all’interno di un buco nero. La possibilità è stata illustrata in un nuovo saggio, che è stato pubblicato su The Conversation, da una coppia di fisici.

Prima di tutto bisogna sapere che i buchi neri sono degli oggetti astrofisici presenti in abbondanza nel nostro universo. I buchi neri sono oggetti misteriosi che sembrano essere essenziali nell’evoluzione dell’universo, partendo dal Big Bang fino ad arrivare ai giorni nostri. Molto probabilmente hanno avuto un’influenza sulla formazione della vita umana nella nostra galassia.

Il primo concetto da esaminare è che una volta entrati nel buco nero e superato un certo punto non è più possibile uscirne. Bisogna anche fare una certa distinzione, perché esistono diverse tipologia di buchi neri, quelli con una massa molto simile a quella del nostro Sole, e quelli che invece posseggono una massa miliardi di volte la nostra stella.

I buchi neri possono presentare dimensioni molto diverse ed essere caricati elettricamente, come ad esempio gli elettroni e i protoni degli atomi. Esistono due tipologie di buchi neri che possono essere importanti per la nostra discussione. Il primo non ruota ed è elettricamente neutro, quindi non presenta ne cariche positive ne negative e ha la massa del nostro Sole.

La seconda tipologia è il buco nero super-massiccio che possiede una massa da milioni a addirittura miliardi di volte maggiore di quella del nostro Sole. Una differenza molto importante tra i due oltre alla loro massa differente è la distanza dal loro centro al loro orizzonte degli eventi, ossia una misura chiamata distanza radiale.

La chiave di volta per riuscire ad entrare all’interno di un buco nero indenni è quindi l’orizzonte degli eventi, ossia quel confine oltre il quale neanche la luce può tornare indietro. Per comprendere meglio il concetto ci basta pensare ad esempio che l’oggetto cosmico, che presenta una massa simile a quella del nostro Sole, avrà un’orizzonte degli eventi con un raggio di poco meno 3,2 chilometri. Mentre, un buco nero super-massiccio possederà un’orizzonte degli eventi grande milioni di chilometri.

Detto questo, se qualcuno entra all’interno di un buco nero, che presenta dimensioni stellari, riuscirà ad avvicinarsi molto ma molto più vicino al centro del buco nero prima di passare l’orizzonte degli eventi. La vicinanza al centro causerà un’attrazione gravitazionale sulla persona che differirà di un fattore 1.000 miliardi di volte tra la testa e le dita dei piedi. Con queste condizioni la persona subirebbe su se stesso tutte le forze in gioco arrivando inevitabilmente a morire all’istante.

Nel caso invece che una persona cada in un buco nero super-massiccio, si troverebbe molto più distante dalla fonte centrale dell‘attrazione gravitazionale. Questo comporterebbe che la differenza nell’attrazione gravitazionale tra la testa e le dita dei piedi sarebbe quasi nulla, riuscendo così a superare incolume l’orizzonte degli eventi.

Esiste anche un’altra condizione indispensabile da dover rispettare per poter entrare all’interno di un buco nero super-massiccio, ossia che l’oggetto cosmico in questione dev’essere isolato. Quindi non deve presentare un disco di accrescimento rotante intorno ad esso.

Una volta superati i due step descritti esiste una cosa molto importante da sapere, ossia che le scoperte fatte all’interno del buco nero, un luogo ancora molto misterioso, non potranno mai essere comunicate e non si potrà mai tornare indietro. Al momento siamo ancora destinati a qualcosa che ancora non ci è dato sapere, ossia cosa accade una volta entrati all’interno del buco nero.

Fonte:

https://tech-everyeye-it.cdn.ampproject.org/v/s/tech.everyeye.it/amp/notizie/entrare-sicurezza-interno-buco-nero-due-condizioni-497491.html?amp_js_v=a6&amp_gsa=1&usqp=mq331AQFKAGwASA%3D&fbclid=IwAR2emyEI_Eta2qo_M73A8n2GKdRhpmX0K9zZAARVZgZJQjLtbR7xIF2XhR4#aoh=16125606539400&csi=0&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Ftech.everyeye.it%2Fnotizie%2Fentrare-sicurezza-interno-buco-nero-due-condizioni-497491.html

https://www.sciencealert.com/what-would-happen-if-a-human-tried-to-enter-a-black-hole-to-study-it

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.