La teoria delle stringhe spiegata in modo semplice

In fisica esistono quattro interazioni fondamentali. All’interno della teoria quantistica dei campi abbiamo l’interazione nucleare forte, l’interazione nucleare debole e quella elettromagnetica. All’interno del sistema della relatività invece abbiamo solo quella gravitazionale.

Queste quattro interazioni spiegano in maniera esaustiva le forze a cui tutti i fenomeni obbediscono. Ma c’è un piccolo problema: e cioè che da un lato nella teoria quantistica viene trascurata la gravità, mentre dall’altro in un’interazione gravitazionale grande diventa trascurabile la teoria quantistica. Ossia pur essendo entrambe teorie valide, nel momento in cui vengono messe insieme le cose non combaciano più.

La teoria delle stringhe non è altro che un tentativo di risposta a queste anomalie cui si va incontro. E lo fa proponendo un modello fisico i cui costituenti fondamentali sono oggetti a una dimensione (le stringhe), invece che a dimensione nulla (i punti) come nelle teorie precedenti, e perciò evita i problemi connessi alla presenza di particelle puntiformi.

Quali sono le conseguenze di questo nuovo modo di vedere le particelle? All’interno della relatività ristretta viene considerato anche lo spazio-tempo; le particelle allora sono in quattro dimensioni, non più in tre dimensioni, e questo perché c’è anche la dimensione temporale ereditata dalla relatività. Si andrebbe così a formare una linea relativistica dovuta allo spazio-tempo (non più punto).

Il problema principale di questa teoria è che si tratta di una mera speculazione, non ancora dimostrata sperimentalmente. Inoltre date le numerose anomalie cui va incontro la teoria stessa, la si è più volte forzata, così che si sono andate a costituire numerosissime teorie interne alla teoria delle stringhe, nessuna delle quali ancora si afferma su tutte le altre.

Per chi vuole approfondire:

La nascita della teoria delle stringhe

La teoria delle stringhe 

Dalla teoria delle stringhe alla teoria delle superstringhe

Stringhe Revolution

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.