• 15 Novembre 2021 10:14

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

Una merce molto pregiata

SI può ancora stupire ed emozionare scrivendo della Shoah? Oppure la coltre del tempo e quella pigrizia che nasce dalla  mancanza del culto della memoria ci ha definitivamente anestetizzati? Quando la scrittura è potente, evocativa, oscillante tra un tono favolistico e la crudezza di un orrore indicibile, il miracolo si compie ancora una volta. E’ il  caso dell’ultima fatica di Jean-Claude Grumberg, classe 1939, scrittore, sceneggiatore e drammaturgo francese che ci consegna con “Una merce molto pregiata” un romanzo aspro e commovente. Nell’opera sono evidenti le tracce autobiografiche dell’autore che ha avuto padre e nonni deportati nel 1942 e mai più tornati a casa, ma questo doloroso  imprinting autobiografico non impediscono al  romanzo di parlarci di una condizione umana drammatica che coinvolgendo un popolo assume i tragici connotati di un archetipo  diabolico e quasi  inenarrabile. Quasi perché Grumberg compie un  miracolo con la sua scrittura e ci fa amare questo piccolo capolavoro.

Natale Seremia

Appassionato da sempre di storia e scienza. Divoratore seriale di libri. Blogger di divulgazione scientifica e storica per diletto. Diversamente giovane. Detesto complottisti e fomentatori di fake news e come diceva il buon Albert: "Solo due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, riguardo l’universo ho ancora dei dubbi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.