• 10 Novembre 2021 9:33

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

1913: Una crociera per Virginia – Ep. 5

Il 9 marzo 1913, la trentunenne Virgina Woolf è depressa quando spedisce alla sua casa editrice il manoscritto del suo primo romanzo “La crociera”. Era il frutto di anni di estenuante lavoro. Per una singolare coincidenza, quello stesso giorno, il 9 marzo 1913, compiva 21 anni, Vita Sackville-West che in futuro sarebbe diventata la sua amante.

Virginia però quel giorno ha altre preoccupazioni, l’editore a cui ha inviato la sua prima fatica letteraria è il suo fratellastro Gerald Duckworth che come sappiamo dal racconto autobiografico Momenti di essere e altri racconti insieme all’altro fratello George abusò  sessualmente di lei quando era bambina. La Crociera la cui gestazione risaliva addirittura al 1910 e che alla fine sarà pubblicato nel 1915 conteneva i semi di tutto ciò che sarebbe sbocciato nei suoi romanzi successivi: lo stile narrativo innovativo, l’attenzione posta all’analisi della coscienza femminile, la sessualità e la morte.

Persino alcuni personaggi minori come la signorina Dalloway che appaiono nel romanzo diverranno poi le protagoniste di uno dei romanzi più noti della Woolf, La Signora Dalloway (1925). “La crociera” è stata definita la “storia di un rito di passaggio”, un romanzo di formazione al femminile che però ebbe un successo editoriale modestissimo, fino al 1929 del libro furono vendute soltanto 479 copie.

Natale Seremia

Appassionato da sempre di storia e scienza. Divoratore seriale di libri. Blogger di divulgazione scientifica e storica per diletto. Diversamente giovane. Detesto complottisti e fomentatori di fake news e come diceva il buon Albert: "Solo due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, riguardo l’universo ho ancora dei dubbi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.