• 10 Novembre 2021 4:22

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

Un tram che si chiama desiderio

Il film Un tram che si chiama Desiderio (A Streetcar named Desire) girato  nel  1951 e diretto da Elia Kazan, è tratto dall’omonima piece teatrale scritta da Tennessee Williams è  portata al successo sui palcoscenici di Broadway dallo  stesso Kazan nel  1947.

Il  film  è stato girato in 36 giorni quasi interamente in interni per rispettarne l’impronta teatrale,  ma  la sapiente regia di Kazan valorizza il senso delle inquadrature ed il gioco del  ritmo tipici della  settima arte. 

La pellicola si avvale di un cast d’eccezione: Marlon BrandoVivien Leigh, Karl Malden e Kim Hunter, gran parte degli attori che formavano il cast della versione teatrale di Broadway, Marlon Brando, Kim Hunter, Karl Malden, Rudy Bond, Nick Dennis e Richard Garrick, furono scritturati per interpretare i loro ruoli teatrali nel film. La Leigh che vinse il  ballottaggio con  Olivia de Havilland e Bette Davis per interpretare Blanche DuBois sarà una delle sostenitrici dell’ingaggio di Brando, ancora non famoso  a livello cinematografico, che l’aveva favorevolmente colpita per la  sua interpretazione teatrale del rude, rozzo e violento Stanley Kowalski.

Il  Kowaslki di Brando che ama e brutalizza la moglie Stella e soggiace alle  provocazioni della cognata,  la  fragile e frustrata Blanche è  un capolavoro  di tormento interiore e di erotismo.

L’attore cresciuto alla scuola dell’Actor Studio giganteggia  nella  malsana  opera di seduzione che sfocerà  nella scena dello stupro di Blanche, interpretata da Vivien Leigh che si assicurò l’Oscar per questa prova. Si racconta che la Leigh era vista come un corpo estraneo da quasi tutti gli altri membri del cast, in quanto non aveva recitato nella versione teatrale  della pièce di Williams, e così Kazan le disse di utilizzare il proprio senso di solitudine e di emarginazione riflettendoli nel personaggio di Blanche. Alla Leigh venne in seguito diagnosticata una forma di disturbo bipolare e si racconta che verso il finire dei suoi anni (morì a soli 53 anni) credesse, talvolta, di essere veramente Blanche.

Il film che ottenne in tutto  12 nomination, si assicurò anche gli Oscar per Karl  Malden e Kim Hunter  come migliori attori non protagonisti e per la  migliore scenografia. A Brando, nonostante la  prodigiosa ed iconica interpretazione  rimase soltanto la  nomination.

Memorabile la scena nella  quale Stella Kowalski, accoglie il  marito, ubriaco  e sudato,  con la  maglietta strappata e la  muscolatura lucida e possente in risalto,  in ginocchio nel  suo grembo, soffocandone  i lamenti, in un cortile  desolato quanto  le anime dei protagonisti di questo dramma.

Ed a proposito della celebre maglietta indossata a lungo da  Brando nel film 
divenne così popolare tra i giovani dell’epoca che, per indossarne una uguale, non essendoci ancora in commercio magliette slim, acquistavano una normale maglietta, che veniva lavata diverse volte fino a restringersi.

Il  film  incorse per i suoi temi  controversi e la sua carica erotica negli strali della censura, che causarono una parziale riscrittura della sceneggiatura tanto che Williams, nelle sue memorie, descrive il film come “una meravigliosa performance in un grande film, rovinata solo in parte dal finale hollywoodiano”.

L’American Film Institute nella sua lista aggiornata del 2008  colloca Un  tram che si chiama desiderio al 47mo posto dei 100 migliori film statunitensi di tutti i tempi.

Natale Seremia

Appassionato da sempre di storia e scienza. Divoratore seriale di libri. Blogger di divulgazione scientifica e storica per diletto. Diversamente giovane. Detesto complottisti e fomentatori di fake news e come diceva il buon Albert: "Solo due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, riguardo l’universo ho ancora dei dubbi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.