• 28 Novembre 2021 1:13

SCIENZA & DINTORNI

Divulgazione storica e scientifica – DIRETTORE Fabiana Leoncavallo

Il disordine di comportamento nella fase REM del sonno

DiNatale Seremia

Ago 22, 2017


Trentacinque anni fa, un giovane psichiatra iniziò a lavorare al Minnesota Regionale Sleep Desorders.
Carlos Schenck è il suo nome e si imbatterà presto in un caso di disturbo del sonno di eccezionale particolarità.
Il paziente, infatti, arrivava a compiere azioni anche molto violente e pericolose durante la notte, fino a farsi male. E la cosa davvero strana, come scoprì Schenck, è che lo faceva durante la fase REM del sonno, quella che normalmente è caratterizzata da una sorta di paralisi muscolare. Una paralisi che serve proprio per impedire, che ci si possa far male durante i sogni.

Schenck dedicherà gran parte della sua carriera professionale ad approfondire le caratteristiche e la cura per questa sindrome battezzata RBD, ovvero REM Behaviour Disorder.
Adesso sappiamo che questo disturbo che colpisce prevalentemente gli uomini e’ collegata all’insorgenza del morbo di Parkinson o comunque ad altre forme di demenza. Sappiamo inoltre in quale aerea del cervello si produce questo disturbo e quindi si aprono prospettive incoraggianti per la ricerca di cura contro il Parkinson.
Schenck adesso è impegnato a mettere a fuoco cause e terapie per altre forme di parasonnie: quello che spinge le donne (soprattutto) a mangiare durante il sonno e quello che porta gli uomini (soprattutto) ad avere comportamenti sessuali durante il sonno.
Per Schenck come nel caso della RBD anche questi disturbi del sonno sono di origine organica e non psicologica.

Natale Seremia

Appassionato da sempre di storia e scienza. Divoratore seriale di libri. Blogger di divulgazione scientifica e storica per diletto. Diversamente giovane. Detesto complottisti e fomentatori di fake news e come diceva il buon Albert: "Solo due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, riguardo l’universo ho ancora dei dubbi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.