Il grande Picchiatello

Ieri, 20 agosto 2017, si è spento all’età di 91 anni, uno dei più grandi comici della storia del Cinema. Jerry Lewis, nato Joseph Levitch a Newark il 16 marzo del 1926 è stato anche un bravo attore, un onesto regista, un eccellente showman ma soprattutto un grandissimo comico, secondo il critico e regista francese Jean Luc Godard, persino più grande di Charlie Chaplin e Buster Keaton.
E’ vero che la Francia ha molto amato il grande Picchiatello, riconoscendone la grandezza ancor prima che in patria.
Figlio d’arte, suo padre un russo di origine ebraiche immigrato negli Stati Uniti era un attore di vaudeville ed il piccolo Jerry crescerà in giro per i teatri della provincia americana, esordendo nel 1931, all’età di soli 5 anni.
Un punto di svolta nella sua lunghissima carriera, avviene nel 1946 quando conosce e diventa amico di un cantante crooner di origine italiana, Dino Crocetti in arte Dean Martin.
Il 26 giugno 1946, durante uno spettacolo, a causa dell’assenza di un attore, Lewis propose di far debuttare il suo amico. Il successo fu immediato, e insieme i due diventarono la coppia di attori più celebre dell’epoca, un sodalizio portato avanti per i successivi dieci anni in teatro, al cinema e in televisione, interrotto per motivi personali nel 1956.
Il loro primo film fu La mia amica Irma (1949), al quale fece subito seguito Irma va a Hollywood (1950). Impossibile ripercorre la lunghissima carriera di Jerry Lewis, le sue performance come cantante, showman, regista, il suo impegno a favore degli altri con l’invenzione di Telethon.
Per ricordarlo oltre che rivedere i suoi film nei quali il corpo e le smorfie del grande Picchiatello scandiscono una parte importante del cinema comico di tutti i tempi, basta guardare questa scenetta fatta per la prima volta al cinema nel 1963, in Dove vai sono guai!, e poi diventata un vero e proprio cavallo di battaglia del grande Jerry.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.