Scienza

La ricetta per vivere a lungo e bene

Pubblicato il

Chi è il responsabile dell’invecchiamento del nostro corpo? Cosa fa si che la vita abbia un termine? Sono i telomeri ovvero delle stringhe di DNA che si trovano alle estremità dei cromosomi e svolgono le funzioni di una specie di cappuccio protettivo.
Preservano l’integrità del nostro DNA mentre la cellula inizia a produrre una copia di se stessa prima di duplicarsi. Ad ogni duplicazione tuttavia i telomeri si accorciano e, quando raggiungono una lunghezza minima, la cellula smette di riprodursi e muore.
Questa sorta di sistema di sicurezza impedisce che le cellule si dividano troppe volte anche perchè ad ogni suddivisione il rischio di errori nella duplicazione del nostro DNA si fa più alto e cosi conseguentemente la possibilità di sviluppare cellule tumorali.
Questo meccanismo protettivo svolto dai telomeri riguarda sia le cellule specializzate che le cellule staminali.
La senescenza dell’organismo si manifesta proprio quando, a forza di duplicarsi, anche le cellule staminali iniziano ad avere telomeri troppo corti, smettendo così di produrre nuove cellule e di rigenerare i tessuti.
Questo processo fortunatamente non è irreversibile. I telomeri si possono anche ricostruire grazie all’azione di un enzima la telomerasi. Allungare i telomeri attraverso l’azione di questo enzima rappresenta quindi la via per rimanere giovani piu’ a lungo o comunque rallentare il processo di invecchiamento.
Secondo la ricetta riportata nel libro “La scienza che allunga la vita” scritto da Elizabeth Blackburn, Premio Nobel per la medicina proprio grazie alle scoperte sui telomeri, oggi presidente del prestigioso Salk Institute for Biological Studies in California, ed Elissa Epel, direttrice dell’«Aging, Metabolism and Emotions Center» alla University of California San Francisco il modo migliore per invecchiare meno rapidamente e bene, è da collegarsi ad uno stile di vita sano, equilibrato e rilassante.
In altre parole per vivere a lungo ed in buona salute occorre fare attività fisica aerobica e mangiare bene – molta frutta e verdura, poca carne lavorata -, controllare lo stress e dormire tanto. E poi fare meditazione, avere una vita sociale e affettiva ricca e, non ultimo, prendersi cura dei propri disturbi, piccoli o grandi che siano, come ansia o depressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.