Libri

Il Labirinto degli Spiriti

Pubblicato il

 

Per chi non si fa sgomentare dai romanzi che superano abbondantemente le 800 pagine la lettura de Il labirinto degli spiriti di Carlos Luis Zafòn, quarto volume della tetralogia del Cimitero dei Libri Dimenticati rappresenta, o almeno lo è stato per me, una scoperta godibilissima.

Il romanzo pur presentando collegamenti ed intrecci di personaggi con il resto del ciclo può essere letto senza problemi come opera a se stante, è un esempio mirabile di affabulazione letteraria, mistero, ardite strutture visionarie sullo sfondo di Barcellona, che assurge ad essere uno dei veri protagonisti del libro.

Avevo comprato il libro qualche mese fa, per rispettare la mia compulsione di avere sempre 15-20 libri da leggere, in qualsiasi momento, e me ne ero dimenticato. Poi terminato il libro che stavo leggendo, ho scelto Il labirinto degli spiriti in ossequio ad un’altra piccola perversione di lettore, l’attrazione quasi sensuale verso i volumi che hanno oltre 600 pagine.
La vicenda si svolge tra Madrid e Barcellona nel 1959 e la protagonista è Alicia Gris, giovane agente dei servizi segreti del regime franchista dal passato oscuro e controverso. Alicia deve indagare sulla scomparsa del potente ministro dell’Educazione Mauricio Valls.

A fare da principale sfondo alla narrazione è nuovamente la città di Barcellona, descritta in maniera cruda e spietata, della quale emerge anche il racconto politico e bellicoso nei ricorrenti flashback di cui l’opera è costellata.

Zafòn vive dal 1993 a Los Angeles dove alterna l’attività di sceneggiatore a quello di romanziere, tradotto in oltre 40 lingue. Esordisce come autore per ragazzi e solo nel 2002, scrive il primo capitolo della tetralogia del Cimitero dei Libri Dimenticati, il romanzo L’ombra del vento, diviene in Spagna un vero e proprio caso letterario, vendendo 8 milioni di copie nel mondo e 1,5 milioni soltanto in Italia.

Per chi come me ama abbandonarsi ad un romanzo che mescola mistero, storia, fabula, personaggi indimenticabili è una lettura da non perdere, che può accompagnarci per molte giornate di beatitudine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.