Scienza

L’Elisir di lunga vita?

Pubblicato il

Peter L. J. De Keizer a capo di una squadra di ricercatori dell’Erasmus University Medical Center di Rotterdam (Olanda) ha annunciato sulla rivista scientifica Cell  di aver messo a punto una tecnica per combattere i processi di invecchiamento e degenerazione cellulare.
La sperimentazione che va avanti da oltre 4 anni è effettuata su un gruppo di topi anziani e di topi geneticamente modificati per invecchiare precocemente.

La tecnica consiste nella somministrazione di un peptide (un frammento di proteina) chiamato FOX04-DRI che agisce bloccando una proteina responsabile dei processi di invecchiamento, la FOX04 che ha il compito di innescare il suicidio cellulare nelle cellule danneggiate o colpite da mutazioni che possono provocare tumori.

Durante la lunga sperimentazione non sono stati riscontrati effetti collaterali sul gruppo di topi a cui è stata somministrata FOX04-DRI mentre, al contempo, le chiazze glabre della loro pelliccia sono tornate a infoltirsi in poco piu’ di 10 giorni.

Il passo successivo dei ricercatori olandesi sarà quello di verificare l’assenza di effetti collaterali negli esseri umani, la non tossicità di questa tecnica ed ovviamente la sua efficacia.

Un uomo è, ovviamente molto diverso, da un topo.

Intendono anche avviare a breve una sperimentazione clinica che valuti la sicurezza della procedure nelle persone affette da glioblastoma multiforme, un tumore cerebrale aggressivo, in cui siano presenti biomarcatori che indicano la presenza di elevati livelli di FOXO4 la proteina responsabile del suicidio cellulare delle cellule danneggiate o colpite da mutazioni.

La ricerca è ancora agli inizi e la strada è certamente lunga e piena di insidie ma le prospettive che in un prossimo futuro la vita possa ulteriormente prolungarsi e che si possano curare una parte significativa dei processi di invecchiamento e decadenza sono sempre piu’ concrete.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.