Diretto da Robert Reiner e scritto da Nora Ephron, Harry ti presento Sally è uno dei film più amati non solo degli anni Ottanta ma della storia del cinema in generale. La pellicola racconta la storia di Harry Burns, interpretato da un Billy Crystal molto in forma, e di Sally Albright, aka la bellissima Meg Ryan. Messi in contatto da un’amica i due affrontano insieme il viaggio post-laurea che li vede partire dall’università di Chicago per rincorrere ciascuno il proprio futuro a New York. Si perdono di vista molto facilmente, come accade nelle grandi città, e tuttavia nell’arco di alcuni anni si incontreranno per caso in varie occasioni, fino a quando non cominceranno a instaurare un bellissimo rapporto di amicizia che presto si trasformerà in amore.Continue Reading

Via col Vento (1939) è uno dei capolavori indiscussi della cinematografia americana. Tratto da un romanzo di Margaret Mitchell il film ebbe una produzione travagliata che durò quasi due anni ed alla fine il budget arrivò a 3,5 milioni di dollari, uno dei più alti della storia del cinema finoContinue Reading

Quando nell’ottobre del 1941 Esther Williams, allora appena ventenne, firmò un contratto con la MGM nessuno avrebbe immaginato che nel giro di un decennio sarebbe diventata una delle dive più famose e pagate di Hollywood. Lei stessa era convinta di essere soltanto una nuotatrice ed inizialmente visse con grande disagioContinue Reading

La settima arte ha ampiamente saccheggiato il concept basato su virus ed epidemie in grado di sconvolgere il nostro pianeta e mettere addirittura a repentaglio la sopravvivenza dell’umanità. Se la cupa situazione della nostra realtà non è ancora sufficiente ad angosciarvi ecco una breve carrellata di cinque film da nonContinue Reading

Il cliché dello scienziato nell’immaginario collettivo è piuttosto scontato: generalmente uomo, eccentrico quanto basta, disordinato nella sua latente genialità, spesso tratteggiato con aspetti fisici non propriamente da adone, totalmente ed esclusivamente concentrato nella sua disciplina e sideralmente lontano dalle luci della ribalta. Certamente rompe qualsiasi archetipo precostituito la figura eContinue Reading