Le onde gravitazionali,  piccole increspature dello spaziotempo previste da Einstein oltre un secolo fa ed osservate  per la prima volta nel 2015,  sono  prodotte  da fusioni di buchi neri o collisioni di  stelle  di neutroni, esplosioni di supernova ed altri cataclismi cosmici. Lo studio delle  onde gravitazionali oltre a migliorare la  nostra conoscenzaContinue Reading

Il centro della nostra galassia è presidiato da un buco nero super massiccio che si trova nei pressi della sorgente più complessa e luminosa di quella costellazione: Sagittarius A. Ed è in questa regione della Via Lattea che fin dal 2005 è stato individuato uno strano oggetto, denominato G1, aventeContinue Reading

Fino ad una decina di anni fa il Modello Standard che descrive la nostra conoscenza del cosmo era talmente affidabile da meritarsi il titolo di “modello di concordanza”. E pur vero che per il suo completo funzionamento dovevamo accettare la presenza di una materia oscura, profondamente diversa dalla materia barionicaContinue Reading

Alcune soluzioni delle equazioni della relatività generale ammettono l’esistenza non soltanto dei buchi neri ma anche di oggetti che sono stati definiti come buchi bianchi. In realtà i buchi bianchi potrebbero esistere soltanto se l’Universo nel momento del Big Bang abbia avuto determinate e precise condizioni iniziali. Chiariamo subito cheContinue Reading

Uno degli assunti più ostici della relatività è il limite costituito dalla velocità della luce. Un limite per altro altissimo visto che i fotoni viaggiano alla considerevolissima velocità di 300.000 km al secondo. Niente in natura, ad eccezione delle particelle subatomiche, è in grado anche soltanto di avvicinarsi a questoContinue Reading