C’è un’anomalia statistica sugli esopianeti scoperti che inquieta gli astronomi. Si tratta dell’estrema scarsità di pianeti extra solari di mondi appena un po’ più grandi della Terra. Questa anomalia prende il nome di Fulton gap dal nome dell’astronomo, che per primo, l’ha notata nel 2017. La galassia ospita tantissimi pianeti,Continue Reading

Quando cinque anni fa la sonda spaziale New Horizons è sfrecciata accanto a Plutone, ha mostrato le immagini di un mondo dinamico e dalla selvaggia bellezza. Scarpate di azoto, vulcani ghiacciati più grandi del monte Everest, schegge di metano alte come grattacieli, insomma la superficie di questo pianeta nano èContinue Reading

Quando immaginiamo un possibile pianeta da colonizzare viene spontaneo pensare a Marte. L’interesse scientifico verso il pianeta rosso è altissimo ed è verso Marte che si concentra la maggior parte delle missioni spaziali, dall’alba dell’esplorazione spaziale alla cosiddetta “invasione marziana” degli ultimi anni e del prossimo futuro. Venere al contempoContinue Reading

Nel 2015 la missione Kepler ha rilevato il primo pianeta roccioso extra solare orbitante all’interno della fascia abitabile in cui è stata rilevata un’atmosfera ricca di vapore acqueo. Il pianeta indicato con la sigla K2-18b è stato oggetto di oltre un decennio di osservazioni effettuate sia con il telescopio spazialeContinue Reading

Nel 2019 Michel Meyer e Didier Queloz hanno vinto il Premio Nobel per la Fisica per la scoperta di un esopianeta nel 1995. La motivazione addotta però ad una prima osservazione poteva sembrare alquanto sibillina: “per la scoperta di un esopianeta che orbita intorno ad una stella di tipo solare”.Continue Reading