La tecnologia nel corso dell’ultimo mezzo secolo ha avuto uno sviluppo impetuoso, a tratti esponenziale. Già nel 1965 Gordon Moore, co-fondatore di Intel, notò come il numero di transistor che si potevano inserire in un centimetro quadrato di un circuito integrato raddoppiava ogni 18 mesi. Questa osservazione passata un po’Continue Reading

Continuando nella  nostra  ricerca di possibili soluzioni al  paradosso  di Fermi (se l’Universo  brulica di alieni, dove sono tutti quanti?) oggi  esploreremo un’altra possibile, e per alcuni versi terrificante risposta. Questa soluzione  ci porta nel lontano  1969, quando un giovane studente, che  sarebbe  diventato uno dei più famosi astrofisici dei nostri tempi,  Richard Gott (classe 1947)Continue Reading

Nei molteplici  tentativi di dare  una spiegazione al paradosso di Fermi, uno delle più plausibili  e gettonate è che una o più civiltà  extraterrestri ci stanno chiamando  ma noi non siamo in grado di riconoscere il segnale. Gran parte dei  progetti SETI si sono concentrati sulla ricerca di segnali  alieni nelle  regioni  di spazio waterhole eContinue Reading

Una delle  innumerevoli  spiegazioni al paradosso di Fermi (se la galassia brulica di alieni, dove sono tutti quanti?) è la  cosiddetta spiegazione temporale. L’assunto è che considerato le grandi distanze della nostra galassia gli alieni non  siano ancora giunti da noi. Vale la  pena ricordare in questa sede che la Via  Lattea ha un diametroContinue Reading

Una delle ipotesi più suggestive ed inquietanti  per rispondere  al paradosso di Fermi (Dove sono tutti quanti) è il cosiddetto  scenario  del planetario. L’autore di questa ipotesi è Stephen Baxter, affermato  autore di fantascienza  con una  solida formazione scientifica, essendo laureato in matematica ed ingegneria. La tesi di Baxter inContinue Reading