• 10 Aprile 2021 23:08

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

InSight rileva due terremoti di considerevoli dimensioni su Marte

Il lander InSight della NASA ha rilevato due forti terremoti che hanno avuto origine in una località di Marte chiamata Cerberus Fossae. Si tratta dello stesso luogo in cui sono stati osservati due forti terremoti in precedenza durante la missione. 

Le nuove scosse hanno magnitudo 3.3 e 3.1. Le scosse precedenti erano di magnitudo 3.6 e 3.5. InSight ha registrato oltre 500 terremoti fino ad oggi.

Marsquakes

Lo studio dei marsquakes è un modo in cui il team scientifico di InSight cerca di sviluppare una migliore comprensione del mantello e del nucleo di Marte. Il pianeta non ha placche tettoniche come la Terra, ma ha regioni vulcanicamente attive che possono causare terremoti. I terremoti rilevati di recente, danno peso all’idea che Cerberus Fossae sia un centro di attività sismica.

Nel corso della missione, abbiamo assistito a due diversi tipi di marsquakes: uno più simile alla Luna e l’altro più simile alla Terra“, ha affermato Taichi Kawamura dell’Institut de Physique du Globe de Parigi. Kawamura ha contribuito a fornire il sismometro di InSight ed a distribuisce i suoi dati insieme all’Università di ricerca svizzera ETH di Zurigo. 

L’aspetto interessante,” ha continuato Kawamura, “è che tutti e quattro questi terremoti più forti, che provengono da Cerberus Fossae, sono simili a quelli che si verificano sulla Terra“.

I nuovi terremoti hanno qualcos’altro in comune con i precedenti principali eventi sismici rivelati da InSight. Questi si sono verificati quasi un intero anno marziano (due anni terrestri) fa, durante l’estate settentrionale marziana. Gli scienziati avevano previsto che questo sarebbe stato di nuovo il momento ideale per rivelare i terremoti perché i venti sarebbero diventati più calmi. 

Il sismometro

Il sismometro, chiamato SEIS (Seismic Experiment for Interior Structure), è abbastanza sensibile. Anche se questo è coperto da uno scudo a forma di cupola che lo protegge dal vento e dal freddo, è possibile che alcuni marsquakes non vengano rilevati. Durante la passata stagione invernale settentrionale, InSight non è stato in grado di rilevare alcun terremoto.

È meraviglioso osservare ancora una volta i marsquake dopo un lungo periodo di registrazione del rumore del vento“, ha dichiarato John Clinton, un sismologo che guida il Marsquake Service di InSight all’ETH di Zurigo. “Un anno marziano dopo, siamo molto più veloci nel caratterizzare l’attività sismica sul Pianeta Rosso“.

Migliore rilevamento

Le temperature vicino al lander InSight possono oscillare da quasi meno 148 gradi Fahrenheit (meno 100 gradi Celsius) di notte a 32 gradi Fahrenheit (0 gradi Celsius) durante il giorno. Queste variazioni estreme di temperatura possono causare l’espansione e la contrazione del cavo che collega il sismometro al lander, con conseguenti picchi nei dati.

Quindi il team della missione ha iniziato a cercare di isolare parzialmente il cavo dalle intemperie. Hanno iniziato usando la paletta all’estremità del braccio robotico di InSight per far cadere il terreno sopra lo scudo termico e antivento. Ciò consente al terreno di avvicinarsi il più possibile allo scudo senza interferire con il sigillo dello scudo stesso. Seppellire il cavo sismico è infatti uno degli obiettivi della prossima fase della missione, che la NASA ha recentemente esteso di due anni, fino a dicembre 2022.

Nonostante i venti che hanno scosso il sismometro, i pannelli solari di InSight rimangono coperti di polvere e, mentre Marte si allontana dal Sole, l’energia tende ad abbassarsi. I livelli di energia dovrebbero migliorare dopo luglio, quando il pianeta ricomincerà ad avvicinarsi al Sole. Fino ad allora, la missione spegnerà successivamente gli strumenti del lander in modo che InSight possa ibernarsi, svegliarsi periodicamente per controllarne la salute e comunicare con la Terra. 

Il team spera di mantenere il sismometro acceso per un altro mese o due prima che debba essere temporaneamente spento.

Fonte: https://phys.org/news/2021-04-nasa-insight-sizable-quakes-mars.html?fbclid=IwAR1Q5b1ZTH3ngANpg0OBOJll5ocQ-juOBQHEfVV4XCJEdTnOdvjn8PpPGLM

Rita Cazzetta

Futura laureanda in architettura, sono un'appassionata di libri, film e serie tv. Mi piace anche trattare argomenti riguardanti l'astronomia, la scienza in generale, l'architettura, la storia, la salute e il benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.