• 16 Aprile 2021 22:48

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Il bolide luminoso osservato nel cielo è caduto in Molise

Il bolide luminoso osservato nel cielo è caduto in Molise. L’oggetto osservato pesa circa un chilogrammo. A fare l’annuncio sono stati gli astronomi della Rete Prisma, in un progetto coordinato dall’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF). La dichiarazione è stata fatta a seguito dell‘avvistamento di un bolide luminoso, avvenuto il 15 marzo nei cieli del Centro-Sud.

L’oggetto spaziale dovrebbe essere precipitato a Temennotte, nel comune di Sant’Agapito, in provincia di Isernia.

L’avvistamento del bolide luminoso

Il meteorite ha creato una scia luminosa, che ha solcato i cieli del Centro-Sud. L’oggetto è stato ripreso dalle telecamere della Rete Prisma, un progetto coordinato dall’Istituto Nazionale di Astrofisica, che si occupa della Sorveglianza sistematica di Meteore e Atmosfera.

Gli esperti, attraverso le analisi effettuate, hanno stabilito che l’oggetto in questione era un meteorite, ossia un piccolo corpo celeste. La conferma è arrivata dopo due giorni di analisi eseguite dagli astronomi.

Dal sito della Rete Prisma, si legge che: “Dall’incrocio dei dati, risulta che il piccolo corpo celeste è entrato in atmosfera a una quota di circa 80 km. Successivamente ha proseguito per una distanza totale di 61 km, che sono stati percorsi in 5.3 secondi ad una inclinazione di 84°, quindi una traiettoria quasi verticale”.

La dichiarazione continua affermando che: “L’altezza e la velocità finale è risultata, rispettivamente di 19,8 km e di soli 2,8 km/s, dei valori che depongono a favore per un possibile arrivo al suolo di un meteorite con una massa stimata di circa 1 kg. Il meteorite, se possedesse una densità di 3.5 g/cm3, avrebbe una dimensione di circa 8 cm”.

Gli eventuali frammenti più piccoli, potrebbero avere una dimensione compresa tra i 2 e i 4 cm. I ricercatori hanno stimato che alcuni frammenti potrebbero essere precipitati alcuni chilometri più a sud, all’interno di una zona boschiva piuttosto impervia. Per questa loro localizzazione saranno piuttosto difficili da rintracciare.

Il bolide luminoso e il luogo d’impatto

Gli astronomi, attraverso la triangolazione dei dati della camera di Capua con quelli di altre due camere della rete IMTN di Tortoreto e della sezione di Caserta dell’Associazione Arma Aeronautica, e tenendo in considerazione la traiettoria quasi verticale e i venti, hanno ipotizzato che il meteorite potrebbe essere precipitato in Molise, nella piccola frazione di Temennotte, a Sant’Agapito, in provincia di Isernia.

Gli esperti, spiegano che: “La probabile zona d’impatto dovrebbe essere localizzata in prossimità della piccola frazione di Temennotte, a 5 km a sud-ovest di Isernia, in prossimità della SS85. Bisogna prendere in considerazione un’inesattezza di circa 500 metri del luogo dell’impatto”.

Cominciata la caccia al “sasso spaziale”

La piccola cittadina molisana, subito dopo aver sentito l’annuncio ha cominciato subito la ricerca del bolide. Il sindaco del paese ha spiegato in che modo potrebbe essere fatto il meteorite e cosa fare in caso di ritrovamento.

La prossima settimana, insieme agli scienziati di Prisma, inizieranno le ricerche, rispettando le misure per il contenimento del Covid. Alla ricerca parteciperà anche il sindaco, vista l’importanza dell’evento, sia dal punto di vista scientifico che da quello economico. Infatti, il meteorite, se venisse ritrovato, verrebbe conservato nel museo paleolitico, agevolando così il turismo locale.

Cosa si deve fare se ci si imbatte in un meteorite

Le indicazioni degli astronomi sono dunque rivolte soprattutto agli abitanti della zona, vista la pandemia in corso. Gli esperti spiegano che: “Chiunque dovesse individuare un sasso sospetto, ricoperto da una patina scura e con gli angoli smussati, è pregato di segnalarlo alla rete PRISMA dell’INAF scrivendo una mail e mandando una foto all’indirizzo prisma_po@inaf.it“.

La meteorite non va assolutamente toccata direttamente con le mani. E’ molto importante non venga avvicinata con le calamite, e non va avvolta ne nella plastica o nell’alluminio. L’oggetto dev’essere raccolto soltanto attraverso un foglio di carta, avvolto in un panno di cotone e conservato in un contenitore pulito di vetro.

Fonte:

https://www.ilgiornale.it/news/cronache/bolide-luminoso-nel-cielo-meteorite-caduta-molise-1932579.htm

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.