• 16 Aprile 2021 23:36

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Rumore bianco, rosa e marrone. Riescono veramente ad agevolare il sonno?

Il rumore bianco, rosa e marrone. Ecco in che modo agevolano il sonno. Quale suono preferisci per addormentarti? Ti assopisci con il jazz, oppure utilizzi il suono bianco di un ruscello o il suono rosa o marrone?

Una cosa da sapere è che, nonostante il suono bianco riesca a rilassare le persone, non esistono degli studi che ne confermino l’efficacia e sul perché funzioni. La cosa certa è che non creano alcun danno.

Rumore bianco, rosa e marrone. L’opinione degli esperti

Il dottor Mathias Basner, professore nella divisione del sonno e della cronobiologia presso il University of Pennsylvania School of Medicine, ha spiegato che: “Così tante persone utilizzano questi suoni che le possibili conseguenze di questo metodo sulla salute pubblica potrebbero essere potenzialmente enormi. Purtroppo, a riguardo abbiamo pochissime informazioni”. Mathias Basner, ha pubblicato una revisione sistematica della ricerca sul rumore come aiuto per il sonno.

L’esperto, continua affermando che: “È possibile che questi rumori agevolino il sonno. Inoltre, è anche plausibile che potrebbero essere dannosi per il sonno. Purtroppo, le prove che abbiamo fino ad oggi sono del tutto inconcludenti e di qualità molto bassa per fare ipotesi”.

Gli esperti molto spesso hanno sentito i loro pazienti affermare che questo tipo di rumori avevano successo. Infatti, un ronzio dolce e rilassante riusciva a far addormentare il soggetto, soprattutto nel caso di persone ansiose, se soffrono di insonnia o vivono in un ambiente rumoroso e urbanizzato.

Michael Grandner, che dirige il programma di ricerca sul sonno e la salute presso l’Università dell’Arizona College of Medicine, ha spiegato che: Le macchine a rumore bianco funzionano attraverso un processo chiamato mascheramento del suono o mascheramento del rumore”.

Il ricercatore, continua spiegando che: Le macchine a rumore bianco creano una coltre di suoni intorno al soggetto. In questo modo vengono assorbite le altre onde sonore, in modo che i piccoli scricchiolii e le auto che passano ad esempio non arrivino al tuo cervello e non si venga così influiti”.

Gli esperti ritengono che un altro motivo per cui i rumori bianchi e altri suoni possano indurre il sonno è perché sono diventati un “rituale del sonno”. In altre parole i soggetti hanno addestrato il cervello a riposare attraverso queste abitudini notturne.

Rumore bianco, rosa e marrone. Cosa sono esattamente?

Il suono, esattamente come la luce, è composto da colori. La luce bianca non è altro che una combinazione di tutte le lunghezze d’onda dei colori nello spettro, che viste insieme appaiono bianche all’occhio.

Il rumore bianco è l’equivalente uditivo della luce bianca, una combinazione di tutte le frequenze dello spettro acustico, che si fondono insieme per mascherare i suoni più piccoli indipendentemente dalla loro frequenza. Il rumore bianco per alcuni può essere descritto come un sibilo simile ad una radio sintonizzata su una frequenza inutilizzata.

Il rumore rosa

Alcuni ricercatori si sono concentrati sul rumore rosa, una versione più morbida e raffinata rispetto al rumore bianco. Questo tipo di suono, definito rumore rosa, enfatizza maggiormente le frequenze più basse. Questi sono dei suoni presumibilmente più piacevoli all’orecchio umano. Per capire di cosa si tratta basta semplicemente pensare ad una pioggia costante o all’aumento e all’infrangersi della marea.

Il rumore marrone

Il rumore marrone contiene delle tonalità ancora più basse del rumore rosa, un suono molto simile al rimbombo di forti venti, a un fiume impetuoso o ad una risacca martellante. Sembrerebbe che questo tipo di suono sia il più rilassante dei tre.

Rumore bianco rosa o marrone. Qual è il migliore per te?

Il dottor Phyllis Zee, che dirige il Center for Circadian and Sleep Medicine, presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine, ritiene che per capire quale rumore potrebbe fare al caso tuo, basta semplicemente provarli. In questo modo potrete scoprire quale fa al caso vostro.

Il rumore rosa è quello più popolare perché è divenuto la scelta di un gran numero di ricercatori. Quest’ultimi stanno eseguendo molti esperimenti per verificare il miglioramento della memoria durante il sonno. Secondo i ricercatori è possibile che le onde sonore rosa, riescano a riprodurre le onde cerebrali del sonno profondo. Questo è il momento in cui il corpo registra il consolidamento della memoria a lungo termine.

Le ricerche sul rumore rosa

Un piccolo studio effettuato nel 2013 in Germania, ha rilevato che il rumore rosa prolungava il sonno profondo e migliorava la memoria. I ricercatori nel 2016 hanno fatto ascoltare il rumore rosa durante i sonnellini. In questo modo hanno scoperto che coloro che ascoltavano i rumori rosa durante il riposo dimenticavano meno parole che gli venivano dette di ricordare prima del loro sonnellino.

Il team di ricerca di Phyllis Zee, ha preso in esame un gruppo di persone sulla settantina, una fetta di popolazione che fatica a dormire bene. Lo studio, attraverso un insieme di rumori rosa, ha rilevato un aumento del sonno profondo e migliorato la memoria in alcune persone con deterioramento cognitivo preesistente. I risultati migliori sono stati ottenuti negli adulti cognitivamente sani di 70 anni.

Esistono problematiche del loro utilizzo

Secondo Mathias Basner, potrebbero esserci degli svantaggi nell’uso del suono per dormire. Il cervello lavora attivamente mentre dormiamo, riparando e ripristinando il corpo, rafforzando così il sistema immunitario e ascoltando ogni singolo suono. Se si introduce un suono continuo per tutta la notte, il cervello percepirà e analizzerà costantemente quei segnali.

L’ascolto attivo di un suono continuo per tutta la notte potrebbe privare il cervello del riposo. Al momento questa è solo un ipotesi perché nessuno ancora ha risultati certi.

Mathias Basner, ha dichiarato che: “Ci sono studi certi che mostrano gli effetti benefici, e invece altri che evidenziano degli effetti potenzialmente inquietanti. Direi che in questo momento non ci sono prove sufficienti per concludere se questi rumori possano essere funzionali o se invece non sono adatti”.

In conclusione

Il rumore bianco potrebbe essere benefico per alcuni soggetti e in altri no. Una cosa certa è che se i suoni sono troppo forti, l’uso di una macchina per il sonno o di un’app a lungo andare danneggerà l’udito.

Phyllis Zee, asserisce che: “Se il volume è troppo alto, in maniera assoluta potrebbe essere dannoso”. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, affermano che “i rumori superiori a 70 dB per un periodo di tempo prolungato possono danneggiare l’udito”.

Per comprendere quale sia il livello basta sapere che un orologio che ticchetta registra a 20 dB, un frigorifero ronzante è di 40 dB e una conversazione normale è di 60 dB. I rumori forti superiori a 120 dB possono causare dei danni immediati all’udito, mentre la radio e la TV raggiungono il massimo a 110 dB.

Questo è uno dei motivi per cui gli esperti non raccomandano il rumore bianco, o le macchine per il rumore del sonno o le app per le persone con ipoacusia esistente. In ogni caso Phyllis Zee, consiglia di parlare con un dottore prima di utilizzare uno di questi rumori per dormire. L’esperto, consiglia di programmare i suoni in modo che siano più intermittenti, o almeno più deboli con l’avvicinarsi del mattino.

Fonte:

https://edition.cnn.com/2021/03/18/health/white-pink-brown-noise-sleep-wellness/index.html?fbclid=IwAR15OAMlDS0lEhD2_j2jPMAFH9ZanjUqC-kPjZpV9fPu1pE5s_hfO2QM1Pk

Fabiana Leoncavallo

Laureata in architettura, mi ritengo una persona piuttosto poliedrica. Grande appassionata di scienze, astronomia, storia, letteratura, cinema e serie tv, tutti argomenti che amo descrivere nei miei articoli, che si basano su ricerche valide. Inoltre, amo molto effettuare studi sulla natura, sugli animali, sui cambiamenti climatici, sulla salute e l'alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.