• 11 Aprile 2021 0:11

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Gli astronomi individuano una “medusa spaziale” in Abell 2877

Un radiotelescopio, situato nell’entroterra dell’Australia occidentale, ha osservato un fenomeno cosmico che somiglia sorprendentemente ad una medusa.

Lo studio

Lo studio è stato pubblicato oggi sull’Astrophysical Journal. Un team italo-australiano ha utilizzato il telescopio Murchison Widefield Array (MWA) per osservare un ammasso di galassie noto come Abell 2877.

Torrance Hodgson, della Curtin University dell’International Centre for Radio Astronomy Research (ICRAR) di Perth e autore principale dello studio, dichiarato che il team è riuscito ad osservare l’ammasso per 12 ore a cinque frequenze radio, comprese tra 87,5 e 215,5 megahertz.

Abbiamo esaminato i dati, e quando abbiamo abbassato la frequenza, abbiamo potuto osservare una struttura spettrale simile a una medusa “, ha spiegato.

Questa “medusa radio” detiene una sorta di record mondiale. Non è mai stata osservata nessun’altra emissione extragalattica come questa“.

Questo spettro straordinariamente ripido è stato difficile da spiegare. “Abbiamo dovuto far riferimento all’archeologia cosmica per comprendere l’antica storia che si celasse dietro la medusa“, ha detto Hodgson.

La nostra teoria è che circa 2 miliardi di anni fa, una manciata di buchi neri supermassicci provenienti da più galassie “vomitò” potenti getti di plasma. Questo plasma successivamente svanì, per divenire silenzioso e dormiente. Pensiamo che di recente il plasma abbia iniziato a miscelarsi nello stesso momento in cui delle onde d’urto molto delicate stavano attraversando il sistema. Questo fenomeno ha “riacceso” brevemente il plasma, dando origine a ciò che abbiamo osservato: la medusa ed i suoi tentacoli“.

Se la si osserva dalla Terra, le dimensioni della medusa sono più di un terzo del diametro della Luna, ma può essere vista solo con radiotelescopi a bassa frequenza .

La maggior parte dei radiotelescopi non può raggiungere osservazioni così basse a causa del loro design o della loro posizione“, ha detto Hodgson.

Il nuovo telescopio MWA

L’MWA, un precursore dello Square Kilometre Array (SKA), si trova presso l’osservatorio radioastronomico di Murchison del CSIRO, nella remota Australia occidentale.

Il sito è stato scelto per ospitare le antenne a bassa frequenza per lo SKA, la cui costruzione dovrebbe iniziare tra meno di un anno.

Il professor Johnston-Hollitt, supervisore e coautore di Hodgson, ha affermato che lo SKA ci fornirà una visione senza precedenti dell’Universo a bassa frequenza.

Lo SKA sarà migliaia di volte più sensibile e avrà una risoluzione molto più elevata rispetto all’MWA, quindi potrebbero esserci molte altre misteriose meduse radio che aspettano solo di essere scoperte”.

Stiamo per costruire uno strumento per realizzare un filmato ad alta risoluzione e con frame rate veloce dell’Universo radiofonico in evoluzione. Ci mostrerà dalle prime stelle e galassie fino ai giorni nostri“, ha spiegato.

Scoperte come la medusa suggeriscono che quello che verrà, sarà un momento emozionante per chiunque cerchi risposte a domande fondamentali sul cosmo“.

Fonte: https://phys.org/news/2021-03-astronomers-space-jellyfish-abell.html?fbclid=IwAR0sKkW6aRfG7x1YzB2eXtc3q_deKrtVZ1oZ0U4jhMn-08MEkx9VOU9HYaI

Rita Cazzetta

Futura laureanda in architettura, sono un'appassionata di libri, film e serie tv. Mi piace anche trattare argomenti riguardanti l'astronomia, la scienza in generale, l'architettura, la storia, la salute e il benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.