• 10 Aprile 2021 23:18

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

I geologi hanno trovato la polvere di un asteroide all’interno del cratere da impatto Chicxulub

L’immagine
raffigura un asteroide che si impatta contro i mari tropicali e poco profondi della penisola dello Yucatan, ricca di zolfo, nell’attuale Messico sudorientale. 
Si ritiene che le conseguenze di questa immensa collisione di asteroidi, avvenuta circa 65 milioni di anni fa, abbiano causato l’estinzione dei dinosauri e di molte altre specie sulla Terra. 
In questo dipinto sono mostrati pterodattili, rettili volanti con un’apertura alare fino a 50 piedi, che scivolano sopra nuvole tropicali basse. 
Credit: Donald E. Davis / NASA.

I geologi ritengono di aver chiuso il caso riguardante ciò che ha ucciso i dinosauri non aviani alla fine del periodo Cretaceo.

Circa 66 milioni di anni fa, lestinzione di massa della fine del Cretaceo ha sradicato circa il 75% delle specie animali e vegetali sulla Terra, compresi interi gruppi, come i dinosauri non aviani e le ammoniti.

Come mostrato nella documentazione geologica, questo evento di estinzione è caratterizzato da un sottile strato di argilla con elevate concentrazioni di iridio. Questo metallo si trova in concentrazioni più elevate nei meteoriti ma solo in basse concentrazioni nella crosta terrestre.

La prima volta dell’iridio

Rilevato per la prima volta a Gubbio, in Italia, e a Caravaca, in Spagna, negli anni ’80, lo strato di iridio è stato utilizzato per dimostrare un impatto su larga scala di un corpo extraterrestre, come causa dell’estinzione della fine del Cretaceo.

Negli anni ’90, sono stati identificati depositi ad alta energia intorno al Golfo del Messico e ai Caraibi, culminati nella scoperta del cratere Chicxulub di 180-200 km di larghezza nella penisola dello Yucatán in Messico.

La prova finale

In un nuovo studio, un team internazionale di ricercatori ha trovato l’iridio nel nucleo di perforazione, recuperato dalla spedizione IODP-ICDP 364 dalla struttura di impatto del cratere Chicxulub. Nel cratere, lo strato di sedimenti, che si è depositato negli anni, è così spesso che gli scienziati sono stati in grado di datare con precisione la polvere a soli due decenni dopo l’impatto.

Il cerchio è ora finalmente completo“, ha detto il professor Steven Goderis, ricercatore presso la Vrije Universiteit Brussel.

Gli scienziati hanno trovato concentrazioni più elevate di iridio all’interno di una sezione di 5 cm del nucleo roccioso recuperato dalla sommità dell’anello di picco del cratere Chicxulub. Oltre all’iridio, la sezione del cratere ha mostrato livelli elevati di altri elementi associati al materiale degli asteroidi.

Il sito dell’impatto ha vaporizzato ed espulso questo asteroide ad alta velocità“, ha dichiarato la professoressa Joanna Morgan, ricercatrice dell’Imperial College di Londra.

L’iridio e l’altro materiale appartenente all’asteroide, hanno poi fatto il giro della Terra sopra la stratosfera all’interno di una nube di polvere in rapido movimento. Questi potrebbero aver impiegato due decenni per depositarsi nell’atmosfera e nell’oceano prima di essere depositati sul sito dell’impatto“.

“Abbiamo combinato i risultati di quattro laboratori indipendenti in tutto il mondo per assicurarci di aver compreso bene i risultati dello studio”, ha dichiarato il professor Goderis.

risultati sono pubblicati sulla rivista Science Advances .

Fonte: http://www.sci-news.com/paleontology/chicxulub-asteroid-09394.html?fbclid=IwAR0WQOcSPQpYJCdRYZrsvqvlTbXhbGu0a-E7y2CRd2Oj0tcD6-OzSpyGfGg

Rita Cazzetta

Futura laureanda in architettura, sono un'appassionata di libri, film e serie tv. Mi piace anche trattare argomenti riguardanti l'astronomia, la scienza in generale, l'architettura, la storia, la salute e il benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.