• 16 Aprile 2021 13:20

SCIENZA & DINTORNI

Blog di divulgazione storica e scientifica

Le Amazzoni della mitologia greca sono esistite davvero?

Le Amazzoni dell’antica mitologia greca – feroci guerriere che si dice abbiano vagato per una vasta area intorno al Mar Nero, conosciuta come Scizia – esistevano davvero? O erano solo personaggi appartenenti ai miti greci, come Afrodite che emerge dai genitali gettati in mare o Giasone che ruba un vello d’oro?

Gli storici moderni presumevano che le Amazzoni, documentate per la prima volta dal poeta Omero nell’VIII secolo a.C., fossero personaggi di fantasia. Ma poi, negli anni ’90, gli archeologi hanno iniziato a identificare antichi scheletri femminili sepolti nelle tombe dei guerrieri.  

Alcuni scheletri sono stati trovati con ferite da combattimento, come punte di freccia incastonate nelle ossa, e sono stati sepolti con armi che corrispondevano a quelle utilizzate dalle Amazzoni nelle antiche opere d’arte greche”, ha spiegato Adrienne Mayor, una ricercatrice del dipartimento di classici e del programma di storia della scienza all’Università di Stanford. 

Grazie all’archeologia, ora sappiamo che i miti dell’Amazzonia, in precedenza ritenuti solo dei racconti, contengono dettagli precisi sulle donne nomadi della steppa, che erano le controparti storiche delle mitiche Amazzoni“.

Questi guerrieri nomadi facevano parte di un antico gruppo di tribù conosciute come Sciti, che erano maestri dell’equitazione e del tiro con l’arco. Hanno vissuto in un vasto territorio nella steppa eurasiatica, che si estende dal Mar Nero alla Cina, dal 700 a.C. circa al 500 d.C.”, ha scritto la Mayor sulla rivista Foreign Affaris nel 2015.

Secondo il British Museum, gli Sciti erano un popolo intransigente. Avevano la reputazione di bere quantità eccessive di vino non diluito (a differenza dei greci, che mescolavano il vino con l’acqua), di bere il latte di giumenta fermentato e persino di sballarsi con la canapa. Sempre secondo le dichiarazioni del museo, i corpi congelati di Sciti mummificati conservati nel permafrost erano pesantemente tatuati con figure di animali. 

Le società scite non erano esclusivamente formate da donne, come racconta il mito greco. Queste semplicemente includevano, membri femminili che vivevano come facevano gli uomini. In sostanza, alcune (ma non tutte) le donne scite si unirono agli uomini nella caccia e nella battaglia

È esilarante sapere che le ragazze e le donne nelle steppe hanno imparato a cavalcare e lanciare frecce proprio come i loro fratelli“, ha detto la Mayor. Ha spiegato che per un piccolo gruppo che si muove attraverso le aspre terre della steppa, sotto la costante minaccia dei nemici, aveva senso che tutti aiutassero con la difesa e le incursioni, indipendentemente dall’età o dal sesso. 

Secondo l’articolo di Mayor su Foreign Affairs, nei luoghi di sepoltura degli Sciti sono state trovate donne guerriere di appena 10 e 45 anni. “Finora, gli archeologi hanno identificato più di 300 resti di donne guerriere sepolte con i loro cavalli e armi, e ogni anno ne vengono scoperte altre“, ha dichiarato Mayor. Gli Sciti non erano l’unico popolo ad avere donne che partecipavano alla guerra e alla caccia, e i Greci non erano gli unici a raccontare storie sulle Amazzoni.  

C’erano storie emozionanti, alcune immaginarie e altre basate sulla realtà, su donne simili alle Amazzoni, dell’antica Roma, Egitto, Nord Africa, Arabia, Mesopotamia, Persia, Asia centrale, India e Cina. Le donne che sono entrate in guerra sono esistite nelle culture di tutto il mondo, dal Vietnam alle terre vichinghe, in Africa e nelle Americhe“.

Il nome del Rio delle Amazzoni in Sud America è legato a una di queste storie. Secondo l’Enciclopedia Britannica, il soldato spagnolo Francisco de Orellana, accreditato come il primo europeo ad esplorare l’Amazzonia, nel 1541 ha dato il nome al fiume dopo essere stato attaccato da donne guerriere che ha paragonato ai mitologici guerrieri dell’Amazzonia.

Fonte: https://www.livescience.com/why-queens-guard-bearskin-hats.html?fbclid=IwAR0pWDt61da4klVJM36xLMIf0TCmlfSPESoHoJj271R3-QkxZNacV_4cyFg

Rita Cazzetta

Futura laureanda in architettura, sono un'appassionata di libri, film e serie tv. Mi piace anche trattare argomenti riguardanti l'astronomia, la scienza in generale, l'architettura, la storia, la salute e il benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.