Supercomputer versus Covid19

Nella guerra alla pandemia innescata dal virus SARS-Cov-2 un ruolo fondamentale lo stanno svolgendo i super computer dall’eccezionale potenza computazionale. In particolare una piattaforma “Exscalate” (exascale smart platform against pathogens), piattaforma di super calcolo intelligente (una delle più potenti al mondo) che sfrutta una “biblioteca chimica” di 500 miliardi di molecole, ha conseguito in questi giorni un risultato estremamente interessante nella ricerca di farmaci atti a curare l’infezione.

Si tratta di una ricerca sostenuta dalla Commissione Europea tramite il programma Horizon2020 per 3 milioni di euro nel quadro di lotta alla pandemia di Covid19. Il progetto di ricerca ha una partnership costituita da ben 18 paesi (per l’Italia c’è l’Istituto Spallanzani di Roma), la Dompé farmaceutici e il Cineca (consorzio interuniversitario italiano senza scopo di lucro), con il suo super computer Marconi.

Ed è proprio quest’ultimo che sulla base di alcuni algoritmi ha estratto da un database di oltre 400.000 molecole quella che presenta le migliori caratteristiche per costituire un’efficace terapia anti Covid19. La priorità è stata data a quelle già in fase di trial clinico oppure già sul mercato. La più promettente tra quelle estratte è il Raloxifene: un farmaco conosciuto, approvato (e commercializzato) in Europa per la cura dell’osteoporosi.

Il farmaco potrebbe essere efficace nel bloccare la replicazione del virus nelle cellule, e potrebbe quindi ostacolare la progressione della malattia, in particolare nei casi di diagnosi precoce o in casi asintomatici. I ricercatori hanno indicato che i suoi vantaggi includono l’elevata tollerabilità del paziente, la sicurezza e il profilo tossicologico altamente consolidato. Ora sarà però necessario effettuare tutte le sperimentazioni cliniche per provarne l’efficacia contro Covid19.

Sarà il Comitato etico dell’Istituto Spallanzani di Roma a decidere il via libera all’uso del farmaco contro il coronavirus in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.