Storia della scienza e della filosofia

Vita di Einstein: Albert e il tempo libero Ep. 7

Pubblicato il

Una delle passioni più forti del giovane Einstein che lo accompagnerà per tutta la vita era la musica. Einstein era profondamente colpito dalle armonie musicali e non perdeva occasione per suonare il suo amato violino. Suzanne Markwalder era una ragazza di Zurigo la cui madre ospitava delle serate musicali in cui si eseguiva prevalentemente Mozart. Suzanne suonava il pianoforte mentre Einstein suonava il violino. «Era molto paziente con i miei difetti» ha raccontato in seguito la ragazza.

Gli autori preferiti del giovane Albert erano Bach e Mozart che preferiva per la natura “deterministica” della loro musica mentre non apprezzava particolarmente Beethoven. Durante gli anni del Politecnico Einstein prese anche l’abitudine di andare in barca a vela sugli splendidi laghi alpini intorno a Zurigo. Lo faceva da solo o a volte con l’amica Suzanne Markwalder. Sotto il profilo sociale a Zurigo conobbe un amico dei Winteler un banchiere ebreo di nome Gustav Maier che aveva fondato la filiale svizzera della Società per la cultura etica, e Einstein fu spesso ospite delle riunioni informali che si tenevano in casa di Maier. Einstein ebbe occasione di conoscere e di apprezzare anche Friedrich Adler, il figlio del leader socialdemocratico austriaco, che studiava a Zurigo.

Albert aveva grande stima per Friedrich che considerava un grande idealista ma respinse i suoi inviti ad iscriversi al partito socialdemocratico, il suo spirito inquieto e refrattario a qualunque organizzazione che potesse limitare la sua libertà di azione e di pensiero gli impediva un impegno del genere. La sua vita da studente spensierato era offuscata dai continui rovesci economici del padre che si ostinava a fare l’imprenditore invece di fare come il fratello Jakob che dopo l’ultimo fallimento della loro società si era trovato un lavoro come dipendente. DI questo Albert se ne doleva con l’amata sorella Maja. Nel frattempo la nuova vita che svolgeva a Zurigo, lontano dalla casa dei Winteler ad Aarau aveva incrinato il rapporto con la giovane Maria Winteler.

In questo periodo si legge uno scambio epistolare tra i due dove è chiara la volontà di Albert di interrompere questa relazione amorosa mentre la ragazza finge di non capire e cerca di mantenere vivo il loro rapporto. Alla fine le lettere di Einstein cessarono del tutto nonostante le suppliche della ragazza. Finalmente Einstein dichiarò finita la relazione in una lettera alla madre di Marie, in cui diceva che non sarebbe venuto ad Aarau per le vacanze accademiche di quella primavera. «Sarebbe più che spregevole da parte mia comprare qualche giorno di felicità al prezzo di nuovo dolore: ne ho già causato troppo alla cara ragazza per colpa mia» scriveva.

Poco tempo dopo Albert incontrerà una giovane del tutto diversa da Maria e ne rimarrà folgorato.

N.B. nella foto la giovane Maria Winteler

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.